Da Sapere

pubblicato il 13 febbraio 2017

Dossier Multe e Ricorsi

Multa tardiva, come farla annullare

Le sanzioni notificate troppo tardi non sono legittime

Multa tardiva, come farla annullare

Multe da autovelox, verbali per passaggio col semaforo rosso controllato da telecamere agli incroci e qualsiasi altra diavoleria elettronica (in teoria, solo per la sicurezza e non per fare cassa) possa appiopparvi una multa in città: ecco l'argomento scottante di cui andiamo a parlarvi. Più in concreto, tanto per intenderci, l'esempio classico è l'autovelox (l'ammenda varia a seconda dell'eccesso di velocità) oppure il passaggio col semaforo rosso: sui 180 euro, più 5 crediti bruciati a chi guidava. Ma c'è un ma. Anche i Comuni devono, per legge, rispettare alcuni vincoli, pena la cancellazione della multa.

Tris vincente

#1. Quanti giorni. La multa deve, secondo l'articolo 201 del codice della strada, arrivare a casa vostra (come proprietari dell'auto immortalata dal Grande Fratello) entro 90 giorni dalla data di accertamento dell'infrazione. Numerosi Comuni contano i 90 giorni da quando gli agenti di Polizia locale vedono la foto con l'auto che compie la violazione. In realtà, Cassazione (con sentenze 2951/98 e 2023/2000) e Corte costituzionale (sentenza 198/1996) hanno stabilito che i 90 giorni scattano dall'infrazione.

#2. Ricorso uno. Per le multe tardive, fate allora ricorso al giudice di pace competente per il luogo dell'infrazione entro 30 giorni dalla notifica, pagando 43 euro di tassa sul ricorso. Basta citare le sentenze del punto 1. In più, rammentate la netta presa di posizione del ministero dei Trasporti contro i Comuni in materia di multe tardive: suscitò forti polemiche lo scontro fra il ministro Maurizio Lupi e il Comune di Milano.

#3. Ricorso due. In alternativa al Giudice di Pace, avete il Prefetto, per fare un ricorso gratuito. Ricordate che però avete 60 giorni di tempo, così da preparare con più calma la difesa. Ma, in caso di sconfitta, pagherete il doppio del verbale (mentre in genere il Giudice di Pace conferma l'ammenda se perdete).

Senza ricorso, la multa si paga

La burocrazia esige che, per le multe tardive, dobbiate fare ricorso al fine di fare annullare il verbale. Non c'è la cancellazione automatica dell'ammenda, per il solo fatto che vi è arrivata tardi rispetto al termine perentorio dell'articolo 201 del Codice della Strada. È un vostro diritto opporvi, ma non è un vostro diritto che il verbale si annulli da sé. Occhio: se non pagate entro 60 giorni, vi arriverà poi a casa la cartella esattoriale di Equitalia: multa doppia, più varie maggiorazioni.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , multe


Vai allo speciale
  •  - Salone di Francoforte 2017 -
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 21
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 17
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 20
Vai al Salone Salone di Francoforte 2017
 
Top