dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 10 febbraio 2017

Dossier Bimbi in auto

Viaggiare in auto con i bambini, qualche segreto per farli divertire

La nostra micro-guida per rendere il tragitto meno monotono

Viaggiare in auto con i bambini, qualche segreto per farli divertire

Ci sono due tipi di bambini in auto: i vostri figli, se li avete; e i figli di altre persone. Se per rendere piacevole il viaggio dei vostri piccini potete ricorrere a qualche stratagemma curioso, fatto su misura sul carattere del piccolo, che ben conoscete; invece, per i cuccioli di cui sapete poco o nulla, sarà ancora più arduo trovare la chiave giusta per suscitare un sorriso, per farli rilassare, per far sì che il loro viaggio sia confortevole. Comunque sia, con un piccolo nervoso e irrequieto, l'impresa di consentirgli un viaggio confortevole è notevole; e, in parallelo, vanno rispettate tutte le regole per il trasporto sicuro dei piccini, seguendo le prescrizioni del Codice della Strada.

Tris vincente

#1. Responsabilità. Provate ad assegnare al bimbo un compito ben preciso: fatelo sentire importante affinché il viaggio vada a buon fine. Un po' come se guidasse con voi. Lui ha una responsabilità: giocherellare con i pupazzetti. Nello stesso zainetto, puoi anche preparare una piccola sorpresa, così da distrarre il piccino, e rendere il viaggio meno noioso possibile per lui. Specie se lo spostamento in auto è lungo. Invece, piano con gli smartphone, i videogame, i libri: se il bimbo soffre di mal d'auto, andrete a peggiorare le cose. Spesso, il bimbo ha bisogno di una copertina per sentirsi protetto e tranquillo: un oggetto che conosce. Di cotone nella bella stagione e di lana col freddo. Una sorta di rassicurazione, specie quando fuori è buio e lui comincia ad annoiarsi.

#2. Under 5. Sì ai giochi. Quello adatto dipende dall'età del bambino. Sotto i 5 anni (ovviamente, almeno sopra i 2), prima di partire, si può preparare una lista di indovinelli o semplici quiz da sottoporre al bambino, magari coinvolgendo anche altri adulti presenti in auto. L'idea si può anche improvvisare con il classico gioco "Indovina a che cosa sto pensando", in cui il bambino deve indovinare e l'adulto dargli alcuni indizi.

#3. Under 8. Per i bambini da 5 a 8 anni, va bene divertirsi con le parole. Per esempio, provate a giocare con "E' arrivato un bastimento carico di parole che iniziano con…": chi dirige il gioco pronuncia queste parole seguite da una lettera dell'alfabeto e la persona designata (col getto di un fazzoletto annodato o altrimenti) deve immediatamente dire il nome di un carico che cominci con quella lettera.

Tutto meno difficile

Il viaggio con bambini da 8 a 10 anni dovrebbe invece essere meno difficile. Ottimo, comunque, il gioco dell'alfabeto a sorpresa. Prima di partire potete preparare un sacchetto con le lettere da estrarre oppure si recita l'alfabeto a mente finché qualcuno non dice stop. A questo punto, individuata la lettera ogni partecipante deve dire a turno il nome di un personaggio, di un luogo e di un animale che inizi con quella lettera.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top