dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 18 gennaio 2008

Il nuovo Pirelli Cinturato

Come rinasce un Mito

Il nuovo Pirelli Cinturato
Galleria fotografica - Il nuovo Pirelli CinturatoGalleria fotografica - Il nuovo Pirelli Cinturato
  • Il nuovo Pirelli Cinturato - anteprima 1
  • Il nuovo Pirelli Cinturato - anteprima 2
  • Il nuovo Pirelli Cinturato - anteprima 3
  • Il nuovo Pirelli Cinturato - anteprima 4

La vita è una ruota che gira. La frase, detta così, suonerebbe come una banalità. Detta dalla Pirelli, non proprio, se è vero che la nobile Marca milanese produce pneumatici dagli anni in cui nascevano le prime vetture a motore, a partire dai quali i suoi utenti, con le proprie automobili o sulle moto, hanno divorato miliardi di chilometri su tutte le strade del mondo. Anche in paesi frequentati casualmente dai suoi piloti, alla conquista di un podio.

Marco Tronchetti Provera, presidente della Pirelli, nel suo intervento alla Triennale di Milano, ha giustamente ricordato che un'automobile senza ruote non cammina, mentre una ruota senza automobile, si. Una prerogativa che spiega meglio di qualsiasi altro concetto le sue origini antropologiche e la sua inevitabile evoluzione tecnologica in sintonia con quella meccanica e strutturale dell'automobile. E' doveroso ricordare che questa storia porta la firma anche della Pirelli grazie ai suoi numerosi brevetti sviluppati per dare risposte concrete e innovative correlate alla sicurezza, alla velocità, alla durata e, con il nuovo Cinturato, alla compatibilità ambientale.

La testimonianza storica della Pirelli e il suo impegno nella ricerca, hanno trovato la giusta eco nella mostra "Un Viaggio ma..." allestita in occasione della presentazione del nuovo prodotto: il pneumatico dell'ultima generazione, destinato a ripercorre i successi del suo predecessore degli anni 50 e di cui proprio per ciò, porta non solo lo stesso nome, ma anche le finalità prestazionali. Aggiornate, ovviamente, alle performances delle automobili dei giorni nostri.

Il Cinturato di oggi, presentato nei due modelli P4 e P6 che si differenziano per la scolpitura del battistrada, sono destinati ad equipaggiare le vetture più vendute di piccola e media cilindrata con l'obiettivo dichiarato di renderle più confortevoli, più sicure alle varie velocità, ma anche ecocompatibili. Dote quest'ultima perseguita con crescente determinazione, dagli stati della Comunità Europea, rispettosi della salute dei propri cittadini.Tali risultati sono stati ottenuti riducendo del 20% la resistenza al rotolamento che si traduce in termini di consumi e di emissioni nocive in un risparmio del 4% a parità di prestazioni, derivante anche da un'alta resa chilometrica. Alla quale si aggiunge la riduzione delle polveri sottili note come particolato, frutto dell'eliminazione degli oli aromatici che compongono solitamente il battistrada. Il nuovo Cinturato anticipa la normativa europea che entrerà in vigore nel 2010.

Per dare la giusta eco all'evento tecnologico - commerciale, Pirelli ha scelto una strategia di comunicazione autoreferenziale, allestendo una retrospettiva di campagne pubblicitarie realizzate nel periodo 1954 - 1972 da importanti artisti come Bob Norda, Franco Grignani, Ugo mulas, Antonio Boggeri, Alan Flecter.
Nel contesto della mostra, uno spazio particolare è stato riservato alla campagna pubblicitaria realizzata da Arrigo Castellani, art Director, in collaborazione con il grafico Pino Tovaglia, nel 1966 "Un viaggio sul Sicuro - Cinturato Pirelli". Comunicazione da leggersi anche come. "una mobilità più sicura favorisce uno sviluppo migliorativo accelerato, un benessere diffuso, una migliore conoscenza di territori e di uomini". Quindi, come atteggiamento filosofico e programmatico verso il nuovo. Concetto che trova la sua rinnovata interpretazione cretaiva nelle opere di alcuni artisti contempoarnei coinvolti dalla Pirelli sul tema "Racconti di viaggio" liberamente ispirati al Cinturato. Ne citiamo alcune esposte: I poster futuribili di Airstudio/Giacomo Spazio, le interpretazioni grafiche di Headscollective e di Aleandro Busseni, il grande albero di Leftloft, la piovra cinturata di Alberto Bettinetti, il block notes fuori scala di Marco Bruzzone, sul quale ciacsuno potrà lasciare la traccia in parole o con disegni di un suo viaggio, accettando la provocazione dell'oggetto dal quale ha preso forma la mostra stessa "Un viaggio, ma..."...con amore, secondo alcuni....con spirito d'avventura, secondo atri... con serenità, in tutta sicurezza. E chi più ne ha, più ne metta.

Galleria fotografica - "Un viaggio ma..." con il rinnovato Pirelli CinturatoGalleria fotografica - "Un viaggio ma..." con il rinnovato Pirelli Cinturato
  • \
  • \
  • \
  • \
  • \
  • \

Autore: Claudio Casaroli

Tag: Accessori , pneumatici


Top