dalla Home

Attualità

pubblicato il 3 febbraio 2017

Car sharing DriveNow, l'Italia segna il record europeo

A Milano si sono registrati 60.000 clienti e la flotta ha raggiunto le 500 auto

Car sharing DriveNow, l'Italia segna il record europeo
Galleria fotografica - BMW DriveNow MilanoGalleria fotografica - BMW DriveNow Milano
  • BMW DriveNow Milano	  	   - anteprima 1
  • BMW DriveNow Milano	   - anteprima 3
  • BMW DriveNow Milano	  	   - anteprima 4
  • BMW DriveNow Milano	  	  	   - anteprima 5
  • BMW DriveNow Milano	  	   - anteprima 6
  • BMW DriveNow Milano	  	   - anteprima 7

Milano è un po'il laboratorio del car sharing italiano. Qui si sono diffuse le prime auto in condivisione italiane, come car2go ed Enjoy, cui se ne sono sommati altri (vedi le piccole elettriche al 100% di Share'ngo). A queste, fra i tanti, si è aggiunto di recente DriveNow (il car sharing frutto della joint venture tra il Gruppo BMW e SIXT SE), il cui esordio è soddisfacente. I numeri sono da record europeo per l'azienda: 60.000 clienti registrati e una flotta che ha raggiunto le 500 auto in oltre 100 giorni milanesi. Tre mesi di attività nel capoluogo lombardo scanditi anche da innovazioni messe a disposizione dei cittadini: l'espansione dell'area operativa fino all'aeroporto di Milano Linate in dicembre e l'introduzione in flotta delle prime 20 auto elettriche BMW i3 (94Ah) con Range Extender. Un servizio che comunque, giova ricordarlo, ha generalmente un prezzo superiore rispetto agli altri, per via di una diversa qualità: parliamo dei modelli BMW e MINI, e della loro tecnologia.

Su che ritmo si viaggia

DriveNow a Milano registra 150.000 noleggi totali in questi primi mesi, per un totale di 1.100.000 km percorsi. In media vengono effettuati 4 viaggi al giorno a bordo di una delle BMW o MINI con una durata media del noleggio di 20/40 minuti. Sono invece circa 1.500 le corse di DriveNow da e per l'aeroporto di Milano Linate da inizio dicembre. In Europa, invece, sono infatti 815.000 i clienti registrati DriveNow nel 2016, con un incremento del 42% rispetto al 2015. Infatti, il parco vetture di oltre 5.000 veicoli circola per Monaco, Berlino, Düsseldorf, Colonia, Amburgo, Vienna, Londra, Copenhagen, Stoccolma, Bruxelles e, appunto, Milano.

Quali costi

Ma quanto si pagano le macchine di DriveNow? C'è una tariffa base al minuto: varia da 31 a 34 centesimi (per i modelli BMW Serie 2) e comprende i costi di benzina, assicurazione, parcheggio (strisce blu, strisce gialle) e Area C. Durante il noleggio, è possibile sostare in qualsiasi parcheggio consentito al costo di 20 centesimi al minuto. Per terminare il noleggio, occorre lasciare l'auto in un parcheggio consentito all'interno dell'area operativa. All'interno dell'area verde gratuita, pari a 78 km quadri, il parcheggio non prevede costi aggiuntivi. Ai clienti che, invece, vorranno lasciare l'auto nell'area esterna gialla a pagamento, viene addebitato un costo extra di 4,9 euro. Attenzione: è prevista una franchigia di 500 euro, che può essere ridotta a 350 euro selezionando l'opzione "1 Euro" al momento della prenotazione della macchina sull'app. Un tema, quello delle penalità (tutte previste per contratto e accettate dai clienti), che è un punto un po'delicato per tutti i car sharing.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , Bmw , car sharing


Top