dalla Home

Test

pubblicato il 31 gennaio 2017

Toyota GT86, un restyling che va di traverso [VIDEO]

I nuovi controlli elettronici la rendono ancora più meravigliosa da guidare: provare sul ghiaccio per credere

Galleria fotografica - Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccioGalleria fotografica - Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio
  • Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio - anteprima 1
  • Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio - anteprima 2
  • Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio - anteprima 3
  • Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio - anteprima 4
  • Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio - anteprima 5
  • Toyota GT86, la prova tra neve e ghiaccio - anteprima 6

Che senso ha far provare in Lapponia una sportiva che fa della voglia di sbandare una bandiera? Già, la Toyota GT86 è una delle coupé a trazione posteriore più belle da guidare anche sull’asciutto e sul bagnato, figuriamoci sul ghiaccio. Ma il restyling di questa giapponese non è solo una questione di estetica della carrozzeria o di rivestimenti dell’abitacolo: gli ingegneri hanno lavorato anche sull’assetto - sui controlli elettronici di trazione e stabilità in particolare - ed è per questo che Toyoya ha organizzato un test un po' speciale, per guidare la GT86 restyling dove non c’è aderenza tra ruote e terreno. E dove la temperatura non è mai salita sopra i - 15° C.

C’è il controllo elettronico per sbandare

Ok, lo studio delle tarature dei sistemi ESP (o VSC, per usare una sigla più generica) in condizioni di freddo estremo non è una novità. Quello che però sta cambiando nel mondo dell’auto è il livello di conoscenza dei tecnici in materia di sensori, attuatori e logiche di controllo dell’elettronica, anche grazie alla ricerca sulle auto a guida autonoma. Tra i modelli più recenti ad aver detto qualcosa di nuovo ci sono macchine come la Ferrari 488 GTB e il suo programma di guida Side Slip Angle Control, in grado di farvi andare di traverso ma non in testacoda. Oppure anche la Ford Focus RS con il suo Drift Mode. Bene, il Track Mode della Toyota GT86 restyling segue la stessa filosofia, applicata ad una sportiva ancora più essenziale, più pura in un certo senso: trazione posteriore, differenziale autobloccante meccanico, motore aspirato, cambio manuale.

Per non dire di come va su strada...

Il risultato - come ho cercato di raccontarvi nel video - è che si può guidare sportivamente con una tranquillità che mette un'allegria incontrollabile, e che nasce da derapate che definire spettacolari è poco. Certo, sulla neve tutto è più facile, ma anche più comprensibile, perché permette di capire fino in fondo come un aiuto elettronico del genere possa migliorare la sicurezza mentre ci si diverte in condizioni normali, cioè su una strada di montagna asciutta o bagnata. Dove non vedo l’ora di guidare di nuovo la GT86 restyling, per sentire anche com’è cambiata la risposta dell’assetto, modificato come molle e ammortizzatori, e come il nuovo volante (piccolo e con un’impugnatura migliore) abbia migliorato l’esperienza di guida di questa sportiva così emozionante. Alla prossima prova, dunque! E, se ci state già facendo un pensierino, sappiate che il prezzo in promozione di questa Toyota è di 27.500 euro. Per tutte le altre informazioni sulle novità e per la scheda tecnica potete leggere l’articolo sulla GT86 restyling e navigare nel Trovauto per il listino completo e il confronto con le concorrenti.

Scheda Versione

Toyota GT86
Nome
GT86
Anno
2012 (restyling del 2016)
Tipo
Normale
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Toyota , auto giapponesi , guida sportiva


Top