dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 17 gennaio 2008

Chrysler ecoVoyager concept

A Detroit la multispazio del futuro è elettrica e luminosa

Chrysler ecoVoyager concept
Galleria fotografica - Chrysler ecoVoyager conceptGalleria fotografica - Chrysler ecoVoyager concept
  • Chrysler ecoVoyager concept - anteprima 1
  • Chrysler ecoVoyager concept - anteprima 2
  • Chrysler ecoVoyager concept - anteprima 3
  • Chrysler ecoVoyager concept - anteprima 4
  • Chrysler ecoVoyager concept - anteprima 5
  • Chrysler ecoVoyager concept - anteprima 6

Abbiamo visto che a Detroit il Gruppo Chrysler ha presentato tre diverse interpretazioni del concetto di ibrido attraverso tre concept che sono stati sviluppati dai suoi Marchi.

A Dodge è spettato il compito di elaborare una supercar muscolosa alimentata a gasolio e bioetanolo, a Jeep quello di creare una 4X4 dai consumi ridottissimi, a Chrysler quello di dare vita ad una multispazio elettrica. E' così che è nata la Chrysler ecoVoyager concept, il prototipo con cui la squadra dei tre moschettieri dell'ibrido Chrysler si può dire completa.

La ecoVoyager concept è dotata di un motore elettrico alimentato da batterie Li-Ion e di cella a combustibile (idrogeno) in grado di erogare 268 cavalli e di percorrere 480 km in piena autonomia. Inoltre, il tempo di scatto da zero alla velocità massima di 96.56 kmh avviene, secondo la Casa, in meno di otto secondi.

In termini di design l'ecoVoyager concept "proietta il linguaggio del Marchio Chrysler in una nuova direzione, quella dell'eleganza e della semplicità", come ha detto Greg Howell, capo del progetto. Le forme ricordano molto quelle del Voyager di serie, ma ne enfatizzano le peculiarità e nel complesso avvicinano il corpo vettura al probabile stile automobilistico che vedremo su strada nei prossimi anni.

Esternamente la vettura misura 4,85 metri di lunghezza, 1,91 m di larghezza ed è alta 1,6 metri. Poco promettente tuttavia il vano bagagli, che a giudicare dalle fotografie offre una capacità di carico poco soddisfacente.

L'abitacolo invece promette grande luminosità grazie alle numerose superfici vetrate, disegnate da una linea fortemente aerodinamica. Enfatizzano la spaziosità a bordo sia il colore prescelto per i rivestimenti, che la semplicità della plancia e la disposizione dei quattro sedili.

Il Gruppo Chrysler al Salone di Detroit 2008

A Detroit tre variazioni sul tema dell'ecosostenibilità: Chrysler ecoVoyager, Dodge Zeo, Jeep Renegade.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Chrysler , detroit


Top