dalla Home

Test

pubblicato il 27 gennaio 2017

Mazda MX-5 RF, leggera anche col tetto

Nonostante il tettuccio rigido la piccola giapponese resta agile ed essenziale

Mazda MX-5 RF, leggera anche col tetto
Galleria fotografica - Mazda MX-5 RFGalleria fotografica - Mazda MX-5 RF
  • Mazda MX-5 RF - anteprima 1
  • Mazda MX-5 RF - anteprima 2
  • Mazda MX-5 RF - anteprima 3
  • Mazda MX-5 RF - anteprima 4
  • Mazda MX-5 RF - anteprima 5
  • Mazda MX-5 RF - anteprima 6

Colin Chapman disse "light is right" e se c'è un'auto che ben rappresenta questo elogio della leggerezza è proprio la Mazda MX-5 che, dopo 28 anni dalla prima versione, e oltre 1 milione di esemplari venduti è ancora fedele a se stessa e continua a dimagrire per garantire il massimo divertimento anche con i suoi relativamente pochi cavalli. Anche la MX-5 RF (Retractable Fastback) mantiene questa caratteristica e il tetto rigido elettrico che scompare in 13" (l'operazione può essere fatta anche in movimento fino a 10 km/h), aggiunge solo 45 kg a quella che era già la più leggera MX-5 dalla prima generazione lanciata nel 1989. Anche sulla RF gli sviluppatori non si sono concentrati su potenza e velocità ma sulla realizzazione di un'auto equilibrata votata al puro piacere di guida. E ci sono riusciti. Se l'obiettivo era di catturare l'attenzione di quella parte di pubblico che potrebbe non apprezzare una soft top, allora è stato centrato in pieno.

Com'è

Presentata al Salone di New York nella primavera dello scorso anno, espressione perfetta del Kodo design, la nuova RF racchiude l'essenza di tutte le MX-5: trazione posteriore, motore aspirato, baricentro basso e rigorosamente cambio manuale, anche se per il 2.0, in versione Exceed è disponibile anche l'automatico a 6 marce. La linea fastback è davvero elegante e filante e il "posteriore a tunnel" in cui si inserisce il lunotto è senza precedenti, almeno in Mazda. Rispetto alla versione con il tetto in tela, la capacità del bagagliaio perde solo 3 litri e scendea a 127 litri: sufficienti per due trolley e un paio di zainetti piccoli. Il volante a tre razze in pelle è sportivo e piacevole da impugnare. L'auto è compatta, quasi intima, la seduta è bassa e i sedili avvolgenti, insomma nell'abitacolo a goccia ci si sente a proprio agio. Tutti i comandi sono a portata di mano e semplici da gestire, inoltre, nel quadro strumenti, è stato aggiunto il nuovo display TFT da 4,6" che offre anche un'animazione dello stato del tetto, oltre alle altre informazioni relative alla macchina. Anche il passeggero è comodo, nonostante si troverà a dover interagire con una protuberanza alla destra del tunnel centrale, dovuta alla presenza del catalizzatore sotto il pavimento. Per essere una roadster coupè la visibilità è davvero ottima, decisamente sopra ogni più rosea aspettativa. Naturalmente è dotata anche di tutti i sistemi di sicurezza di Mazda, che si basano sull'i-ACTIVSENSE. Si trovano di serie nelle versioni Exceed e Sport: il monitoraggio dei punti ciechi con sistema di rilevazione pericolo uscita parcheggio; il Lane Departure Warning System che controlla la fuoriuscita dalla carreggiata; il controllo auomatico dei fari abbaglianti (High Beam Control System); i fari anteriori adattivi e, non ultimo per importanza specialmente per il controllo dei consumi, l'i-ELOOP che è il sistema di rigenerazione dell'energia in frenata (solo per il 2.0 l).

Come va

Quando si entra in macchina non si può non pensare immediatamente alla filosofia Jinba Ittai e sentirsi davvero come se cavallo e cavaliere fossero una cosa sola. La posizione di guida è come piace a me: bassa, con i sedili Recaro in pelle e Alcantara riscaldabili elettricamente (di serie sulla Sport) che mi avvolgono proprio a sentirmi un tutt'uno con la macchina. Certo io sono alta 1,65 m e per un uomo di 1.80 m la sensazione sarà un po' diversa, probabilmente penalizzato anche dal fatto che il volante non è regolabile in profondità ma solo in altezza. L'auto, quando è chiusa è silenziosa: i tecnici hanno lavorato parecchio su questo aspetto usando, ad esempio un rivestimento interno su tre strati sui pannelli anteriori e centrale per smorzare il rumore della strada e del vento. Sono stati sigillati i fori intorno al cambio e messi tappetini più ampi, aggiunti materiali di isolamento e smorzamento delle vibrazioni nei passaruota posteriori, nel rivestimento delle porte, nei pannelli della carrozzeria, nella sezione del tunnel e nel vano motore. Anche quando si va in giro con il tetto aperto non è certo il sound di un V12 quello che dovete aspettarvi. Del resto la MX-5 è sempre stata un'auto abbastanza discreta da questo punto di vista e se volete essere più rumorosi, beh allora dovete rivolgervi all'after market omologato. Ho provato il 2.0 da 160 CV con cambio manuale a 6 marce in allestimento Sport con pioggia, grandine, e freddo: asfalto umido quanto basta per godere al massimo del piacere di guida della compatta di Hiroshima che sfrutta bene le sospensioni sportive e il differenziale autobloccante per un divertimento sempre sotto controllo. A questo si aggiunge l'erogazione progressiva del motore, fluida fino ai 6.000 giri, la rapidità nei cambi di direzione, garantita anche da uno sterzo molto diretto e comunicativo: quando si entra in sintonia con la macchina si ha proprio la sensazione di pennellare le curve come se fosse un'onda dei quadri giapponesi di Hokusai. I freni sono davvero ottimi e gli innesti del cambio manuale sono rapidi e precisi.

Curiosità

E' sicuramente il tetto quello che rende unica la RF. Aprendo le due sezioni anteriori, delle tre che costituiscono il tetto retraibile, spariscono del tutto (compreso il lunotto posteriore in vetro) dietro i sedili, evidenziando i tipici stilemi da fastback. Mentre l'ultima sezione, a differenza delle soluzioni convenzionali, rimane al suo posto. Per non snaturare l'equilibrio tipico della MX-5 era fondamentale mantenere il tutto leggero e i tecnici di Mazda ci sono riusciti mixando perfettamente i materiali. Ecco quindi che ogni sezione rigida del tetto ne utilizza uno diverso dall'altro: alluminio per la parte anteriore, acciaio per il centro e laminato plastico composito (SMC) per il gruppo posteriore. Le guarniture nere che prolungano le linee del finestrino della porta fino ai montanti fastback sono realizzate con una nuova plastica bioingegnerizzata, per cui sono belli da vedere e anche "sostenibili".

Quanto costa

Disponibile al pubblico da gennaio con le motorizzazioni classiche della MX-5: un 1.5 da 131 CV che parte da 28.000 euro (nell'allestimento Evolve mentre la Exceed costa 2.000 euro in più) e una versione 2.0 da 160 CV in due allestimenti, la Exceed e la Sport. La prima, col cambio manuale costa 31.150 euro ai quali dovete aggiungere 2.000 euro per avere il cambio automatico; la seconda, disponibile solo con il manuale, col differenziale autobloccante meccanico e i sedili Recaro di serie costa 32.850 euro. Sia la Exceed che la Sport hanno di serie anche l'impianto audio Bose a 9 altoparlanti con speaker all'interno dei poggiatesta del guidatore e del passeggero che garantiscono una qualità audio di altissimo livello e sicuramente "avvolgente".

Scheda

Motorizzazione provata: 2.0
Quando arriva: disponibile da gennaio
Quanto costa: 32.850 euro
Quanti CV ha: 160
Quanto consuma (ciclo combinato): 6,6 l/100 km
Quanta CO2 emette: 154 g/km
0-100 km/h: 7,5"

Scheda Versione

Mazda MX-5 RF
Nome
MX-5 RF
Anno
2016
Tipo
Normale
Segmento
sportive
Carrozzeria
Spider
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Monica Secondino

Tag: Test , Mazda , auto giapponesi


Listino Mazda MX-5

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.5L Skyactive-G 131cv RF Evolve posteriore benzina 131 1.5 2 € 28.000

LISTINO

1.5L Skyactive-G 131cv RF Exceed posteriore benzina 131 1.5 2 € 30.200

LISTINO

2.0L Skyactive-G 160cv RF Exceed posteriore benzina 160 2 2 € 31.150

LISTINO

2.0L Skyactive-G 160cv RF Sport posteriore benzina 160 2 2 € 32.850

LISTINO

2.0L Skyactive-G 160cv RF Exceed Auto posteriore benzina 160 2 2 € 33.150

LISTINO

2.0L Skyactive-G 160cv RF Limited Edition posteriore benzina 160 2 2 € 36.500

LISTINO

 

Top