dalla Home

Curiosità

pubblicato il 23 gennaio 2017

Shelby Super Snake, un motore “velenoso”

500 esemplari prodotti per celebrare il 50esimo anniversario Shelby

Shelby Super Snake, un motore “velenoso”
Galleria fotografica - Shelby Super Snake 50th anniversaryGalleria fotografica - Shelby Super Snake 50th anniversary
  • Shelby Super Snake 50th anniversary - anteprima 1
  • Shelby Super Snake 50th anniversary - anteprima 2
  • Shelby Super Snake 50th anniversary - anteprima 3
  • Shelby Super Snake 50th anniversary - anteprima 4
  • Shelby Super Snake 50th anniversary - anteprima 5
  • Shelby Super Snake 50th anniversary - anteprima 6

Il serpente più velenoso che c’è colpisce ancora e lo fa alla veneranda età di 50 anni. La protagonista dell’asta Scottsdale di Barrett-Jackson è stata proprio la Shelby Super Snake. Presentata da Shelby America, in occasione del suo 50esimo anniversario, la versione 2017 ha intenzioni serie, con i suoi 750 CV e un prezzo di partenza di 69.995 dollari (65.181 euro al cambio attuale). Per stupire tutti gli amanti del genere e perché no, anche delle drag race (viste le prestazioni), la nuova Shelby Super Snake nasce sulla base della Mustang GT, ma poi agli ingegneri americani questa faccenda deve esser sfuggita di mano. Scherzi a parte, il 5.0 V8 Ford permette uno scatto 0-100 km/h (96 km/h per la precisione) di soli 3,5 secondi.

I soli 500 esemplari disponibili della Muscle Car si dividono in Iconic Shelby blue (la scelta migliore a nostro avviso) e il suo alter ego White Motif. Oltre alla colorazione anche altri dettagli estetici richiamano al modello originario del 1967. Ad esempio ci sono degli aggiornamenti sul cofano ancor più bombato e qui bisogna godersela di profilo per apprezzare le linee muscolose di un design studiato digitalmente utilizzando CAD. Ma poi anche nuovi spoiler, fari fendinebbia e il diffusore molto imponente. Anche dentro non si fa altro che ricordare la sua storia, con i loghi del 50esimo anniversario sui sedili e i tappetini. E ovviamente non manca la placca sul cruscotto con il relativo numero di serie, quando si parla di edizioni limitate è bene conoscere il proprio numero.

Autore: Lorenzo Catini

Tag: Curiosità , auto americane


Top