Attualità

pubblicato il 18 gennaio 2017

Dossier Carburanti alternativi

Idrogeno, arrivano in Italia i distributori a 700bar

Pubblicato il decreto che, da marzo, permetterà l'innalzamento della pressione di erogazione

Idrogeno, arrivano in Italia i distributori a 700bar
Galleria fotografica - Toyota MiraiGalleria fotografica - Toyota Mirai
  • Toyota Mirai - anteprima 1
  • Toyota Mirai - anteprima 2
  • Toyota Mirai - anteprima 3
  • Toyota Mirai - anteprima 4
  • Toyota Mirai - anteprima 5
  • Toyota Mirai - anteprima 6

Finalmente anche l’Italia ha la sua legge sui nuovi carburanti, è stato, infatti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, meno di un settimana fa, il Decreto Legislativo 16 Dicembre 2016, n. 257 che recepisce la Direttiva europea detta DAFI, sulle realizzazioni di infrastrutture per lo sviluppo di combustibili alternativi tra cui l’idrogeno. La direttiva Europea, in pratica, invitava gli stati membri a varare, entro la metà di novembre 2016, un quadro strategico nazionale che tenesse conto dello sviluppo del mercato dei combustibili alternativi e, quindi, di prevedere l’istallazione di un numero di punti di rifornimento adeguati. Il discorso dell’idrogeno, caro sopratutto a Toyota per via della Mirai, attualmente unica auto a idrogeno a listino in Europa, è stato inserito spontaneamente dal governo italiano (secondo direttiva europea era solo opzionale), dimostrando un interesse del nostro Paese per questo tipo di propulsione.

L’inserimento dell’idrogeno nel piano strategico nazionale implica che l’Italia dovrà dotarsi entro il 2025 di un adeguato numero di stazioni di rifornimento, ma soprattutto, in base a questo decreto è stata richiesta la revisione delle norme tecniche che limitano la pressione di erogazione dell’Idrogeno ai distributori, attualmente a 350bar, per innalzarla fino a 700bar; uno standard adeguato per garantire autonomia e tempi di rifornimento di un’auto per utilizzo privato. Al momento, infatti, la normativa attuale che si rifà a un Decreto del Ministero dell’Interno del 2006, di fatto, ostacola la circolazione delle auto a idrogeno poiché per fare il pieno in sicurezza e in tempi analoghi a quelli di un auto a carburante tradizionale (circa tre minuti) di veicoli a idrogeno moderni, come la Toyota Mirai, sono necessari 700bar di pressione all’erogatore. La modifica di questa normativa era già nei piani del governo, ma ora, in forza del Decreto, è stata fissata per marzo 2017.

Autore:

Tag: Attualità , idrogeno , auto giapponesi , carburanti alternativi , celle a combustibile


Vai allo speciale
  •  - Salone di Francoforte 2017 -
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 21
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 17
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 20
Vai al Salone Salone di Francoforte 2017
 
Top