dalla Home

Test

pubblicato il 16 gennaio 2017

Dacia Sandero Stepway, crossover da città [VIDEO]

Altezza da terra e sospensioni morbide la rendono un antidoto alle buche. Bene il 1.5 dCi da 90 CV, male comfort e sterzo

Galleria fotografica - Dacia Sandero Stepway 2016Galleria fotografica - Dacia Sandero Stepway 2016
  • Dacia Sandero Stepway 2016 - anteprima 1
  • Dacia Sandero Stepway 2016 - anteprima 2
  • Dacia Sandero Stepway 2016 - anteprima 3
  • Dacia Sandero Stepway 2016 014 - anteprima 4
  • Dacia Sandero Stepway 2016 011 - anteprima 5
  • Dacia Sandero Stepway 2016 012 - anteprima 6

Ci sono automobili che si scelgono soprattutto con il cuore e altre che invece si comprano con la testa. La natura low-cost della Dacia Sandero Stepway la colloca di diritto nella seconda categoria, eppure questa versione rialzata e "crossoverizzata" della compatta rumena riesce a mostrare carattere, facendo anche qualche concessione all'estetica. Senza però dimenticare la funzionalità e il suo principale punto di forza: il prezzo.

Com'è

Fuori la Sandero Stepway sfoggia gli aggiornamenti presentati da Dacia lo scorso settembre al Salone di Parigi. Il frontale è stato arricchito da dettagli come i nuovi fari con luci diurne a LED e la calandra con rettangoli cromati, che ricorda quella del SUV Dacia: la Duster. La caratterizzazione per il fuoristrada è data anche dalla maggiore altezza da terra (17,3 cm, quattro in più della Sandero), dai paraurti con protezioni sottoscocca cromate e da dettagli come le protezioni laterali e le barre sul tetto di serie. L'approccio pratico emerge da tutti gli aspetti della Dacia Sandero Stepway, anche nell'abitacolo molto spazioso. Qui le plastiche sono dure e le forme semplici, ma l'essenziale è garantito. La dotazione di serie, infatti, include climatizzatore manuale, cruise control, sensori di parcheggio posteriori e alzacristalli elettrici davanti e dietro, con i comandi di quelli anteriori che sono stati spostati sui braccioli delle portiere ridisegnate. Il tunnel centrale ospita una presa da 12V e lo spazio per una lattina o bottiglia da mezzo litro. La fila posteriore ha tre posti comodi (due e mezzo sicuri…) e il bagaglio ha un volume di 320 litri: un ottimo valore visti i 4,09 metri di lunghezza totale. Bene anche alla voce connettività: la Dacia Sandero Stepway offre di serie un sistema multimediale con schermo touch da 7" e connessioni Aux, USB e Bluetooth, che include la navigazione satellitare ed è compatibile con gli smartphone.

Come va

La Dacia Sandero Stepway dà il meglio di sé in città, dove l'altezza da terra e la taratura morbida delle sospensioni riescono a farle digerire anche le peggiori imperfezioni dell'asfalto. Quando la velocità aumenta, però, emerge qualche limite di un progetto che punta al risparmio, in particolare per quel che riguarda il comfort: vibrazioni, fruscii aerodinamici e motore si fanno sentire più del dovuto. La Sandero Stepway che ho provato montava il 1.5 dCi da 90 CV a 4.000 giri/min e 220 Nm di coppia massima a 1.750 giri/min accoppiato a un cambio manuale a 5 rapporti. È un motore che l'alleanza Renault-Nissan monta su tanti modelli e anche qui valgono i commenti già fatti in altri casi: è uno dei migliori della categoria perché è regolare, spinge bene fin dal basso e consuma poco. Io ho fatto circa 20 km/l in un percorso soprattutto cittadino, davvero niente male. Nella mia prova il 1.5 dCi è stato la parte più convincente della meccanica: il cambio manuale della Dacia Sandero Stepway, infatti, preferisce un uso tranquillo, mentre il suo sterzo tende a diventare sempre più leggero e meno preciso con il crescere della velocità. La Dacia Sandero Stepway si può avere anche con un 900 turbo a benzina da 90 CV e 140 Nm a 2.250 giri/min, disponibile anche con doppia alimentazione a GPL. Entrambi i motori hanno lo Start&Stop di serie e possono essere associati a un cambio automatico robotizzato con un extra di 500 euro.

Curiosità

Per dimostrare la robustezza e l'affidabilità della nuova Sandero, Dacia ha realizzato un video ambientato tra i vicoli di Napoli la notte di Capodanno che ha come protagonista una Sandero Stepway guidata da Salvatore Esposito, l'attore che interpreta Genny Savastano nella popolare serie TV Gomorra. Il video può essere visto in 2D sul sito dedicato www.nuovasandero.it e vissuto anche attraverso la realtà virtuale a 360° scaricando l’app Virtual Sandero dagli store iOS e Android.

Quanto costa

Il listino della Dacia Sandero Stepway è semplice, così come la sua concezione: parte da 11.950 euro per la versione a benzina con cambio manuale e arriva ai 13.450 euro della diesel con il robotizzato a 6 rapporti Easy-R. Vista la vocazione low-cost del modello, la versione più interessante è quella alimentata anche a GPL, che costa 12.450 euro. Rivali dirette? No, a meno di non trovare sconti di campagne promozionali particolarmente aggressive.

Scheda

Motorizzazione provata: Dacia Sandero Stepway 1.5 dCi 90 CV S&S
Quanto costa: 12.950 euro
Quanti CV ha: 90 CV
Quanto consuma (ciclo combinato): 3,8 litri/100 km
Quanta CO2 emette: 98 g/km
0-100 km/h: 11,7 secondi
Garanzia: 3 anni/100.000 km

Scheda Versione

Dacia Sandero Stepway
Nome
Sandero Stepway
Anno
2012 (restyling del 2016)
Tipo
Lowcost
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Fiorello

Tag: Test , Dacia , auto europee


Top