dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 13 gennaio 2017

Nuova Audi A8, futuro prossimo

L’ammiraglia tedesca, sul mercato da 7 anni, si rifà alla Prologue e introduce nuove tecnologie di guida

Nuova Audi A8, futuro prossimo
Galleria fotografica - Nuova Audi A8, il renderingGalleria fotografica - Nuova Audi A8, il rendering
  • Nuova Audi A8, il rendering - anteprima 1
  • Nuova Audi A8, il rendering - anteprima 2
  • Nuova Audi A8, il rendering - anteprima 3
  • Nuova Audi A8, il rendering - anteprima 4
  • Nuova Audi A8, il rendering - anteprima 5
  • Nuova Audi A8, il rendering - anteprima 6

L’arrivo sul mercato di una nuova ammiraglia viene sempre accolto con grande entusiasmo dagli appassionati, complice il travaso di soluzioni e tecnologie da queste automobili a quelle di costo e lunghezza inferiori. Fresco è l’esempio della BMW Serie 7, equipaggiata con la base meccanica poi ripresa dalla Serie 5 (seppur modificata), ma anche la più recente Mercedes Classe S ha introdotto soluzioni poi diventate comuni sulle vetture successive: l’ammiraglia ha portato all’esordio l’attuale conformazione della plancia e il nuovo linguaggio per la carrozzeria. Lo stesso avverrà con la nuova serie della Audi A8, attesa quest’anno, del tutto rinnovata a livello esterno e disponibile con un sistema molto evoluto per la guida assistita. L’estetica della berlina noi la immaginiamo così, sulla base di quanto hanno mostrato gli esemplari di test fotografati su strada.

Anteriore in stile Prologue

La quarta generazione della berlina tedesca richiamerà le forme della Prologue, esercizio di stile realizzato nel 2014 con il preciso obiettivo di mostrare quale direzione avrebbe seguito l’Audi in fatto di estetica. L’Audi A8 avrà quindi un cofano più spiovente di quella oggi in vendita, luci anteriori rastremate e una calandra del tutto ridisegnata, a forma di esagono, che si discosterà in maniera evidente dalla griglia odierna: il frontale avrà quindi un aspetto più sportiveggiante e regalerà all’auto maggior dinamismo, facendole perdere la tipica impressione di austerità. Il nuovo modello resterà comunque indicato per le attività di rappresentanza, in virtù degli ingombri molto generosi: la lunghezza oltrepasserà i 5 metri (la versione a passo lungo si dovrebbe attestare a circa 5,20 metri) e l’abitacolo garantirà il massimo livello di comfort, specialmente nella parte posteriore.

Nel traffico guida da sola

A livello meccanico è prevista una evoluzione della base costruttiva MLB, la stessa già utilizzata per le A4 e Q7: sarà del tipo a motore anteriore longitudinale e trazione anteriore o integrale, ma verrà modificata alla luce delle dimensioni superiori. I motori avranno sei, otto e anche dodici cilindri, non mancherà una variante ibrida e il cambio sarà nella maggior parte dei casi un automatico a 8 rapporti. Le vere novità della A8 sono previste in materia di nuove tecnologie: secondo quanto emerso finora, l’ammiraglia farà esordire la nuova evoluzione del sistema multimediale MMI, adotterà i più recenti apparati di sicurezza e monterà un raffinato sistema di guida assistita, che le permetterà di muoversi fino a 60 km/h senza alcun intervento da parte del conducente. L’elettronica di bordo gestirà anche il parcheggio pilotato.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Audi , rendering


Top