dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 9 gennaio 2017

Dossier Salone di Detroit 2017

Volkswagen ID Buzz showcar, il Bulli del nuovo Millennio

Ha due motori elettrici e percorre fino a 500 km con una ricarica. A bordo ci sono 8 posti

Volkswagen ID Buzz showcar, il Bulli del nuovo Millennio
Galleria fotografica - Volkswagen Showcar I.D. BUZZGalleria fotografica - Volkswagen Showcar I.D. BUZZ
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 1
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 2
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 3
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 4
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 5
  • Volkswagen Showcar I.D. BUZZ - anteprima 6

Volkswagen fa il bis. Il costruttore tedesco aggiunge un tassello in più alla sua strategia sull’auto elettrica e al Salone di Detroit, in programma dall’8 al 22 gennaio, presenta la showcar Volkswagen ID Buzz. E’ il secondo veicolo della famiglia ID che, come ricorderete, ha esordito a Parigi con la hatchback omonima (qui foto e video) basata sulla piattaforma MEB, quella progettata appositamente per i veicoli a batterie. Il Volkswagen ID Buzz è un MPV a zero emissioni che trae lo spunto estetico dal mitico Bulli, che già nel 2011 era ricomparso come van elettrico sotto forma di Concept. Stavolta però la showcar ha ambizioni maggiori e potrebbe trasformarsi in vettura di serie, con un’autonomia di oltre 500 km, entro il 2022.

Un design celebre in tutto il mondo

Il Volkswagen ID Buzz, come il Bulli concept prima di lui, richiama fortemente il Bulli degli Anni ‘50. E’ lungo 4,941 m, largo 1,976 m e alto 1,963 m. A bordo c’è posto per otto persone e la versatilità, che era un altro pregio del vecchio Bulli, continua ad esserci, ma come i tempi moderni sanno offrire: ci sono infatti diverse soluzioni interessanti, come il sedile che è capace di ruotare di 180 gradi, così da modulare lo spazio in base alle esigenze. I vani bagagli fanno la loro parte grazie ad una disposizione altrettanto razionale; per non essere troppo ingombranti ce ne sono due, uno davanti ed uno dietro. Bisogna poi ricordare che il Volkswagen ID Buzz nasce sotto la stella della guida autonoma, perciò è dotato di soluzioni hi-tech come il volante touch-pad.

La trazione è integrale

A differenza della ID, il Volkswagen ID Buzz ha due motori elettrici, non uno soltanto. Il primo motore si trova nella sezione anteriore e il secondo nell'assale posteriore. In questo modo l’ID Buzz può avvalersi della trazione integrale, una soluzione molto utile considerando che si tratta di un veicolo nato per affrontare diversi scenari. La batteria agli ioni di litio, posizionata sotto il pavimento, è da 111 kWh e per caricarla all’80% ci vogliono 30 minuti circa.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Volkswagen , auto elettrica , detroit


Top