dalla Home

Tecnica

pubblicato il 6 gennaio 2017

Dossier CES Las Vegas 2017

CES 2017, la Continental al lavoro sulla digitalizzazione

L'azienda presenta una serie di tecnologie per le auto del futuro, come il lettore d'impronte o i vetri smart

CES 2017, la Continental al lavoro sulla digitalizzazione
Galleria fotografica - Continental al CES 2017Galleria fotografica - Continental al CES 2017
  • Continental al CES 2017 - anteprima 1
  • Continental al CES 2017 - anteprima 2
  • Continental al CES 2017 - anteprima 3
  • Continental al CES 2017 - anteprima 4
  • Continental al CES 2017 - anteprima 5
  • Continental al CES 2017 - anteprima 6

Il ricorso sempre più massiccio alle tecnologie digitali va inserito fra i grandi cambiamenti a cui si prepara il mercato dell'automobile, in procinto di accogliere nuovi sistemi che renderanno la guida più sicura, confortevole e connessa. Una esposizione delle novità che saranno introdotte nei prossimi anni è stata organizzata dalla Continental, società tedesca fra le principali al mondo nel ramo della componentistica, che ha presentato al CES di Las Vegas una serie di apparati che rientrano nell'ambito della digitalizzazione: ci sono ad esempio lettori di impronte digitali, vetri sensibili al tocco e sistemi di archiviazione su nuvole di memoria. Alcune di queste tecnologie verranno introdotte nei prossimi anni e serviranno per migliorare il rapporto fra conducente e automobile, tema a cui le grandi Case automobilistiche stanno destinando molte risorse.

La Continental sta lavorando per esempio sulla biometrica, ovvero il riconoscimento di una persona tramite una o più caratteristiche del suo corpo, in maniera da far accendere il motore attraverso la scansione di una impronta digitale. Una tecnologia di questo genere, secondo l'azienda, migliora il livello di sicurezza (la lettura dell'impronta si affianca all'accensione tramite chiave) e aumenta il livello di personalizzazione, visto che si potranno creare determinati "profili" sulla base di varie impronte: basterà mostrare un dito affinché il sedile, il volante e gli specchietti si regolino in maniera automatica. Un'altra novità allo studio riguarda il salvataggio di informazioni su cloud, che ospiterà dati relativi alle abitudini di guida: se il guidatore va in palestra tutti i mercoledì sera, ad esempio, il percorso verrà impostato automaticamente. Lo stesso accade con le scelte musicali. Nel futuro catalogo dell'azienda potrebbero esserci schermi touch flessibili, sensori LiDAR per le automobili senza conducente e vetri esterni sensibili al tocco, che possono scurirsi in base alle condizioni atmosferiche o del traffico.

Autore: Redazione

Tag: Tecnica , dall'estero


Top