dalla Home

Attualità

pubblicato il 5 gennaio 2017

Tesla, al via la produzione di batterie nella Gigafactory

Nel maxi stabilimento in Nevada vengono prodotte in serie le nuove unità agli ioni di litio destinate (anche) alle auto

Tesla, al via la produzione di batterie nella Gigafactory
Galleria fotografica - Tesla GigaFactoryGalleria fotografica - Tesla GigaFactory
  • Tesla GigaFactory - anteprima 1
  • Tesla GigaFactory - anteprima 2
  • Tesla GigaFactory - anteprima 3
  • Tesla GigaFactory - anteprima 4
  • Tesla GigaFactory - anteprima 5
  • Tesla GigaFactory - anteprima 6

Con il nuovo anno, Elon Musk ha inagurato la produzione delle "2170", le nuove batterie Tesla che saranno utilizzate nei futuri prodotti dell'azienda non solo come "accumulatori" domestici o commerciali ma anche come unità di propulsione nelle prossime auto. Le 2170 sono state progettate per contenere un'alta densità di energia nonostante le dimensioni ridotte e per garantire, stando a quanto dice la Casa americana, "la migliore performance al più basso costo di produzione". Inizialmente il loro uso sarà limitato ai Powerwall, il generatore di energia elettrica che sfrutta i pannelli solari per ricaricare le auto. Tutto cambierà verso la metà del 2017, quando inizierà la pre-produzione della Model 3, la berlina media che, con un prezzo di circa 35.000 dollari, ha l'obiettivo di rivoluzionare il mercato dell'auto elettrica.

A quel punto, alla Gigafactory sarà richiesto di aumentare notevolmente il numero di batterie prodotte. Il che non dovrebbe comunque essere un problema, visto che la messa in operatività dello stabilimento sta seguendo il programma stabilito: al momento solo il 30% è utilizzato e per la fine dell'anno dovrebbe contare circa 6.500 lavoratori, mentre per il 2018 dovrebbe essere in grado di produrre batterie per 35 gigawatt ogni anno. Questa notizia viene subito dopo quella del mancato raggiungimento degli obiettivi di vendita per il 2016. Tesla, nonostante un rallentamento produttivo dovuto all'integrazione del nuovo Autopilot 8.0, ha infatti consegnato quasi 3.000 auto in meno di quanto preventivato. Questo non significa che Musk debba preoccuparsi più di tanto: le vendite totali del 2016 sono salite del 64% rispetto al 2015, merito soprattutto della Model X. Quello che, al momento, sta probabilmente dando qualche pensiero al CEO di Tesla è la presentazione, al CES di Las Vegas 2017, del super crossover elettrico di Faraday Future.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , Tesla , auto americane , auto elettrica , dall'estero


Top