dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 5 gennaio 2017

Dossier CES Las Vegas 2017

CES 2017, Bosch presenta l'auto col riconoscimento facciale

E' solo uno dei tanti dispositivi del prototipo che prefigura la mobilità del futuro

CES 2017, Bosch presenta l'auto col riconoscimento facciale
Galleria fotografica - Bosch al CES 2017Galleria fotografica - Bosch al CES 2017
  • Bosch al CES 2017 - anteprima 1
  • Bosch al CES 2017 - anteprima 2
  • Bosch al CES 2017 - anteprima 3
  • Bosch al CES 2017 - anteprima 4
  • Bosch al CES 2017 - anteprima 5
  • Bosch al CES 2017 - anteprima 6

Regolazione del volante, degli specchietti, della temperatura e persino della stazione radio preferita, il tutto senza neanche muovere un dito. E' quello che promette di fare il nuovo concept di Bosch, presentato al CES di Las Vegas 2017, tramite un software di riconoscimento facciale. Il sistema è in grado di identificare chi si è seduto dietro al volante e di impostare di conseguenza i parametri precedentemente memorizzati come "preferiti", il tutto in maniera automatizzata. Se poi il guidatore vuole intervenire sul pannello di controllo, lo può fare tramite un'interfaccia innovativa costituita da un display e da un sistema di controllo gestuale, in grado anche di dare un feedback tattile. Una volta iniziato il viaggio, grazie all'automazione dell'auto e ai dispositivi di connettività, potrete navigare sul web, gustarvi un film, lavorare in videoconferenza o pianificare di viaggio in base alle soste desiderate.

E quando si tratta di parcheggiare, dimenticatevi di dover girare a vuoto per decine e decine di minuti. Visto che, nel futuro più o meno prossimo, le auto connesse saranno tante e comunicheranno tra loro, saranno in grado di inviarsi i dati degli spazi vuoti che le circondano, compresi quelli tra le auto parcheggiate a bordo strada. E' quello che fa il prototipo Bosch, sfruttando un cloud che condivide le informazioni raccolte con gli altri automobilisti, creando una mappa dei parcheggi disponibili in tempo reale, contribuendo quindi alla costruzione delle cosiddette smart cities, le "città iperconnesse" che sfruttano la condivisione di dati per semplificare la vita degli abitanti. Secondo Bosch questo "futuro" è più vicino di quanto pensiamo: stando agli studi dell'azienda, entro il 2022 il mercato della mobilità connessa inizierà a crescere di un 25% annuo.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , guida autonoma


Top