dalla Home

Curiosità

pubblicato il 3 gennaio 2017

La DeLorean DMC-12 è tornata

Un designer ucraino, Yevheniy Bratchyk, l’ha riportata in vita immaginandola così, ma negli USA sarà prodotta di nuovo

La DeLorean DMC-12 è tornata
Galleria fotografica - DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy BratchykGalleria fotografica - DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk
  • DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk - anteprima 1
  • DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk - anteprima 2
  • DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk - anteprima 3
  • DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk - anteprima 4
  • DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk - anteprima 5
  • DeLorean DMC-12, la visione di Yevheniy Bratchyk - anteprima 6

La DeLorean DMC-12 è un’auto forse unica nel suo genere: grazie ad una saga cinematografica (Ritorno al Futuro) ha ottenuto una fama mondiale anche tra coloro che non sono affatto appassionati di auto. Tutti la conoscono (e la riconoscono) come “la macchina del tempo” e i fan della DMC-12 - quella reale costruita dalla DeLorean Motor Company dal 1981 al 1983 - possono essere eccitati all’idea che grazie ad una legge americana approvata nel 2015 (la Low Volume Motor Vehicle Manufacturers Act) la compagnia ha già iniziato a ricevere ordini per costruirne nuovi esemplari. La produzione dovrebbe cominciare entro quest’anno, ma se questi modelli replicheranno la DMC-12 degli Anni ‘80, c’è chi in Europa è andato oltre ed ha immaginato come sarebbe oggi la nuova generazione della DMC-12. Ci avevamo provato anche noi, con un rendering esclusivo (qui le foto) basato sulla nuova Ford GT, ma la visione moderna della DMC-12, firmata da uno studente ucraino di design (Yevheniy Bratchyk) proietta le linee della mitica DeLorean nel XXIesimo secolo con la lunga griglia anteriore orizzontale che stavolta ingloba i gruppi ottici.

Le linee sono più morbide e gli angoli stondati fanno ricordare l’intuizione di Steve Jobs: quell’incontro tra tecnologia e arte nei piccoli dettagli (come appunto avere oggetti rettangolari con angoli arrotondati) che hanno contribuito a decretare il successo del design Apple in tutto il mondo. La DMC-12 immaginata da Bratchyk mantiene l’apertura delle portiere ad ala di gabbiano ed ha fiancate lisce e affusolate che ne slanciano la carrozzeria, come a ricordare le elevate velocità a cui può viaggiare. Dietro i gruppi ottici hanno una forma squadrata particolarmente attuale e c’è anche un alettone mobile. Interessante il lunotto posteriore, di dimensioni ridotte rispetto all’originale e tanto simile alle moderne Lamborghini. Un bell'esercizio di stile, che probabilmente però resterà solo virtuale. Ricordiamo quindi perché comprare (e perché no)l'auto di Ritorno al Futuro, ecco il nostro video:

DeLorean DMC-12 | Perchè comprare l'auto di Ritorno al Futuro

Una delle auto più discusse della storia, ma anche una delle più leggendarie. E il merito va a Robert Zemeckis che la scelse come protagonista per Ritorno al Futuro, al fianco ci Marty e Doc. E oggi, esattamente a 30 anni da quel celebre 1985, Andrea ha provato la DMC-12 per scoprire pregi e difetti, ma anche quanto costa comprare l'auto capace di viaggiare nel tempo! Buona visione :)

Autore:

Tag: Curiosità , auto del cinema , car design , cinema


Top