dalla Home

Curiosità

pubblicato il 3 gennaio 2017

Dossier Bimbi in auto

I giochi in auto per intrattenere i bambini

Vi diamo qualche dritta per trascorrere al meglio queste giornate di vacanza

I giochi in auto per intrattenere i bambini

In questi giorni tra Natale e la Befana milioni di italiani sono in viaggio, spesso in macchina con tutta la famiglia, piccoli compresi. Ecco quindi che torna utile conoscere qualche gioco da fare mentre si sta procedendo verso la propria destinazione, per evitare di tenerli sempre davanti ad un film o ad un cartone animato. Piuttosto è bello coinvolgere tutti e concedersi un po’ di tempo di qualità insieme ai propri cari, anche in auto.

I giochi per i bambini fino a 2 anni

➤ Le canzoncine preferite. Il più classico dei giochi (che si può fare a tutte le età) è il canto. Avvantaggiatevi con una lista di canzoni preferite e magari preparate un CD o un elenco MP3.
➤ I giochi da fare insieme. L’ideale per i più piccoli è avere alla portata di mano i giochi preferiti, tutti quei peluche o simili con cui ci si intrattiene a casa. La cosa migliore in auto è che un adulto si sieda dietro con il bambino per intrattenerlo con questi giochi mentre si è tutti assicurati con le cinture di sicurezza. Se viaggiate da soli evitate di farlo per non distrarvi dalla guida, al massimo è bene dare al bambino un piccolo gioco da tenere in bocca.
➤ La giostrina da auto. Chi ama il fai-da-te potrebbe cimentarsi, prima della partenza, nella costruzione di una giostrina da auto: basta appendere delle foto di famiglia oppure di simpatici animali o personaggi che piacciono al bambino a dei nastrini che si possono legare ad un piccolo sostegno in plastica da assicurare poi dietro ai poggiatesta anteriori, così da far penzolare le foto davanti al bambino posizionato sul sedile posteriore.

I giochi per i bambini da 2 a 5 anni

Gli indovinelli. Prima di partire si può preparare una lista di indovinelli o semplici quiz da sottoporre al bambino, magari coinvolgendo anche altri adulti presenti in auto. L’idea si può anche improvvisare con il classico gioco “Indovina a che cosa sto pensando”, in cui il bambino deve indovinare e l’adulto dargli alcuni indizi.
Gli scioglilingua. A turno, provate a recitare uno scioglilingua nel minor tempo possibile. Per evitare di distrarvi dalla guida fate tenere il cronometro ad un altro passeggero. Se siete soli con i bambini date solo un’occhiata all’orologio dell’auto.

I giochi per i bambini da 5 a 8 anni

Divertirsi con le parole. Ci sono molti esercizi linguistici che oltre a divertire e intrattenere stimolano la memoria e aiutano nella concentrazione. Sono utili con i bambini, ma anche i grandi hanno sempre da imparare. Ad esempio provate a giocare con “E’ arrivato un bastimento carico di parole che iniziano con…”: chi dirige il gioco pronuncia queste parole seguite da una lettera dell’alfabeto e la persona designata (col getto di un fazzoletto annodato o altrimenti) deve immediatamente dire il nome di un carico che cominci con quella lettera. Un altro gioco è il domino: si inizia con una parola (ad esempio “ca-NE”) e il giocatore del turno successivo deve dirne un’altra che inizia con la sillaba finale della precedente (ad esempio “NE-ve”) e così via.
Caccia all’oggetto misterioso. Un altro gioco utile a stimolare l’attenzione è la caccia all’oggetto misterioso o semplicemente “Indovina a cosa sto pensando”. A turno si pensa a qualcosa e gli altri partecipanti devono indovinare che cos’è facendo delle domande a cui il protagonista di turno può rispondere solo con un sì o no.

I giochi per i bambini da 8 a 10 anni

L’alfabeto a sorpresa. Sempre in tema di giochi con le parole, con i bambini più grandi è possibile cimentarsi nell’alfabeto a sorpresa. Prima di partire potete preparare un sacchetto con le lettere da estrarre oppure si recita l’alfabeto a mente finché qualcuno non dice stop. A questo punto, individuata la lettera ogni partecipante deve dire a turno il nome di un personaggio, di un luogo e di un animale che inizi con quella lettera.
Il gioco delle targhe. Anche qui la fantasia si può scatenare e per esempio si può decidere che la prima targa individuata diventa la base per trovare delle parole nel minor tempo possibile. Vince chi non si ferma e ne trova sempre delle altre che contengano quelle due lettere (se ad esempio la targa è “AC XXX ZC” si può scegliere di trovare le parole che contengano la A e la C, come ACqua, oppure la Z e la C, come ZuCca”).

Di giochi come questi ce ne sono ancora tantissimi e molti si possono trasformare con qualche ritocco alle regole per dare nuovi stimoli ai giocatori e stuzzicare la fantasia di grandi e piccoli automobilisti. A questo punto non ci resta che augurarvi buon viaggio!

Autore:

Tag: Curiosità , viaggiare , sicurezza stradale


Top