dalla Home

Attualità

pubblicato il 27 dicembre 2016

Dossier CES Las Vegas 2017

Faraday Future, un futuro incerto

I due top manager Mattiacci e Sommer hanno rassegnato le dimissioni a pochi giorni dal CES

Faraday Future, un futuro incerto
Galleria fotografica - Faraday Future crossover, il renderingGalleria fotografica - Faraday Future crossover, il rendering
  • Faraday Future crossover, il rendering - anteprima 1
  • Faraday Future crossover, il rendering - anteprima 2
  • Faraday Future crossover, il rendering - anteprima 3
  • Faraday Future crossover, il rendering - anteprima 4
  • Faraday Future crossover, il rendering - anteprima 5
  • Faraday Future crossover, il rendering - anteprima 6

Il gioco di parole è fin troppo facile, per un’azienda che si chiama Faraday Future: dopo le dimissioni di due figure chiave del suo management - l’italiano ex Ferrari Marco Mattiacci (foto in alto) e Jeorg Sommer - il suo futuro è tutto tranne che certo. Attenzione: è decisamente troppo presto per dichiarare “persa” la partita Faraday Future (azienda americana a capitali cinesi), ma i segnali non sono dei migliori, anche perché l’azienda era attesa proprio al CES di Las Vegas per il suo debutto in grande stile davanti al grande pubblico. E non un pubblico “vecchio” come quello di un classico salone dell’auto (Detroit) ma uno moderno come quello di Las Vegas.

Un doppio addio molto pesante

Le dimissioni dei due top manager, che negli USA danno per certe, non sono il miglior biglietto da visita per un’azienda che proprio al CES deve trovare dei finanziatori che le permettano di portare avanti e concretizzare le sue magnifiche idee ed automobili. La prima, quella che vedremo al CES di Las Vegas, è un crossover molto ambizioso, non “solo” a zero emissioni, ma molto innovativo nella linea e con tanta voglia di sfidare Tesla e Bentley. Di più: il segnale delle loro dimissioni è ancora più grave se si tiene conto che i due erano in carica da sette (Mattiacci) e tre (Sommer) mesi. A proposito dei motivi dietro alla clamorosa doppia decisione, le voci che si rincorrono sono molte e incontrollate.

I retroscena

C’è chi sostiene che i due abbiano deciso di allontanarsi dall’azienda a causa delle difficoltà insanabili e chi invece dice che Mattiacci e Sommer siano stati licenziati per liberare risorse da impiegare per il lancio delle vetture. In entrambi i casi, per gli investitori si tratterebbe di un cattivo segnale: nel primo caso, se due manager navigati abbandonano la “barca” è perché le prospettive sono pessime. Nel secondo caso, emergerebbe come minimo un po’ di improvvisazione da parte di chi gestisce la Faraday Future: perché assumere due personalità di spicco, salvo poi rendersi conto, pochi mesi dopo, che i loro stipendi non sono sostenibili? Al CES ci saranno sicuramente aggiornamenti.

Autore:

Tag: Attualità , auto americane , auto cinesi , auto elettrica


Top