dalla Home

Attualità

pubblicato il 5 gennaio 2008

La benzina sfiora gli 1,4 euro al litro

Con il greggio a 100$ al barile arriva la prima stangata per gli automobilisti

La benzina sfiora gli 1,4 euro al litro

Caro petrolio = caro benzina. L'equazione, o meglio l'uguaglianza, tristemente nota a tutti gli automobilisti si rivela corretta anche questa volta e con il record di 100 dollari al barile toccato dal greggio nelle ultime 48 ore, le principali compagnie petrolifere hanno rivisto al rialzo i prezzi consigliati ai gestori.

L'Agip ha portato il prezzo di riferimento a 1,396 euro per la benzina, con un incremento di 2,2 centesimi, e a 1,317 euro per il gasolio (+1,8 centesimi). La Q8 consiglia 1,396 euro al litro per la benzina, con un incremento di 1 centesimo, e 1,317 euro per il gasolio (+0,8 centesimi). In rialzo da oggi anche i listini del gasolio di Erg (+0,5 centesimi) ed Esso (+0,3).

Il nuovo prezzo del gasolio sfiora il record storico e fa lievitare l'incremento in un anno del costo del pieno di un'auto di media cilindrata a oltre 9 euro, considerato il costo di un litro salito di 18 centesimi. La benzina ha fatto invece segnare un incremento di 16 centesimi al litro da inizio 2007, con una incidenza sul pieno di circa 8 euro in più.

In questo contesto la preoccupazione è d'obbligo.
I gestori paventano un ulteriore aumento dei prezzi già nei prossimi giorni (4-5 centesimi al litro) e chiedono un intervento del Governo perché venga modulata l'accisa in relazione all'andamento del prezzo del petrolio.
Le associazioni dei consumatori pongono l'accento su quanto il caro greggio peserà sul bilancio 2008 delle famiglie italiane e chiedono una revisione della materia fiscale che deve variare negativamente quando aumenta il prezzo del petrolio per compensare il contestuale aumento dell'Iva", osservano le due associazioni.
Il Governo, nella persona del Mnistro dello Sviluppo economico, Pier Luigi Bersani, risponde ricordando che la Finanziaria ha già tolto il meccanismo che faceva arrichire lo Stato con l'aumento del prezzo della benzina, ma si dice favorevole alla riduzione dell'accisa o dell'iva se le finanze pubbliche lo permettesse

Fiumi di parole.
Intanto gli automobilisti pagano.

Autore: Redazione

Tag: Attualità


Top