dalla Home

Test

pubblicato il 4 gennaio 2008

Al volante della Peugeot 308 RC Z

Felina per davvero!

Al volante della Peugeot 308 RC Z
Galleria fotografica - Al volante della Peugeot 308 RC ZGalleria fotografica - Al volante della Peugeot 308 RC Z
  • Al volante della Peugeot 308 RC Z - anteprima 1
  • Al volante della Peugeot 308 RC Z - anteprima 2
  • Al volante della Peugeot 308 RC Z - anteprima 3
  • Al volante della Peugeot 308 RC Z - anteprima 4
  • Al volante della Peugeot 308 RC Z - anteprima 5
  • Al volante della Peugeot 308 RC Z - anteprima 6

Peugeot sa cosa significa progettare un'auto sportiva e l'ultima concept car 308 RC Z, esposta per la prima volta al Salone di Francoforte lo scorso settembre, ci dimostra perfettamente le capacità, ma soprattutto la passione che il Costruttore francese è in grado di profondere per una realizzazione del genere.

Questa 308 fuoriserie colpisce innanzi tutto per i dati tecnici legati al suo motore sperimentale (almeno per il momento) derivato dal 1.600 turbo progettato in collaborazione con BMW, che in tale configurazione produce ben 218 cavalli a 7000 giri. Numeri davvero notevoli.
E poi c'è la linea della carrozzeria inedita e dir poco attraente, sviluppata sulla base della nuova 308. Nonostante il telaio così com'è abbia ristretto sensibilmente le libertà degli esperti del nuovo Centro Stile de Velizy nonchè la resa estetica, è davvero apprezzabile e in grado di rilanciare l'immagine del marchio Peugeot. In altre parole per la 308 RC Z si è osato senza derivare in eccessi futuristici e difatti l'auto verrà prodotta in serie, più o meno come la vediamo, entro il 2010.

QUINDI NON SOLO UNA SHOW CAR...
No. Infatti la cosa più emozionante della nostra prova è che potevamo guidare la RC Z come una vera macchina di serie. Il che è un privilegio raro considerando che si tratta di un esemplare unico, con una scocca fatta tutta in carbonio del valore probabile di un milione di euro.
Gli ingegneri Peugeot ci han detto che questa 2+2 può raggiungere i 100 km/h da fermo in soli 7,0 secondi e, dalla nostra prova di due ore lungo le colline intorno a San Gimignano, ci possiamo credere. Anzi, l'auto sembra capace di qualcosa di più: 6,7 secondi secondo il nostro cronometro, un tempo non molto lontano da quello della competitor ideale: l'Audi TT 3,2 litri V6.
C'è tutta la potenza necessaria per scatenare lo spirito felino, ma anche la capacità di frenarlo grazie ai dischi anteriori in acciaio ben ventilati con pinze della Brembo a sei pistoncini. Ed è proprio questa combinazione - erogazione brillante del motore ai medi regimi e impianto frenante sportivo - a rendere il divertimento e la sicurezza di guida davvero notevoli. Da aggiungere che il peso dell'auto nell'ordine di marcia tocca i 1.350 kg, un valore che ci fa sognare il ritorno della Peugeot nel World Rally Championship da cui la Casa francese è uscita dopo la stagione del 2005 quando venivano usate (incomprensibilmente) due 307 CC completamente modificate.
Le gomme montate su questa 308 sono un tantino abbondanti - Michelin Pilot Sport PS2 245/40/19 - ma unitamente alle carreggiate maggiorate (+59 mm sia davanti che dietro) garantiscono un comportamento stradale di altissimo livello, anche nelle curve più insidiose che abbiamo percorso in Toscana.
L'unica critica riguarda lo sterzo "alla francese", morbido come sulla Peugeot 308 di serie, ovvero troppo poco sportivo. Ci siamo consolati con la coppia di 280 Nm (e anche 300 Nm in "overboost" per le accelerazioni più forti o i sorpassi) e con l'assetto adeguatamente rivisto.

DENTRO E' COMODA, ALTRO CHE PROTOTIPO!
La 308 RC Z utilizza un pianale preso direttamente dalla catena di montaggio della 308 e ne eredita buona parte dell'abitacolo. Solo la plancia è leggermente più alta per consentire l'uso del nuovo parabrezza più inclinato per ragioni aerodinamiche. I sedili sono molto belli con rifiniture che fanno molto anni Sessanta, ma anche comodi e funzionali per la guida sportiva.
Il feeling con la leva del cambio manuale a sei marce è immediato con innesti più duri del solito, ma nel contesto della 308 RC Z si tratta di una qualità.
E poi c'è lo spettacolare tetto in carbonio a "doppia gobba", una forma molto, ma molto italiana, celebrata da tanti modelli e showcar costruti dalla Zagato. Ci chiediamo perchè questa soluzione stilistica non possa essere inclusa su modelli di produzione in serie più ampia; per fortuna in Peugeot pare che ci stiano pensando.

SPERIAMO DUE COSE...
Che la Peugeot costruisca questa coupé e che questo ottimo powertrain (motore + cambio) venga impiegato quanto prima. In breve: sbrigatevi fratelli francesi!

Scheda Versione

Peugeot RCZ
Nome
RCZ
Anno
2010 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Matt Davis

Tag: Test , Peugeot


Top