dalla Home

Curiosità

pubblicato il 21 dicembre 2016

Dossier Pneumatici

Pneumatici, il trucco per conoscerne l'efficienza

Leggendo l'etichetta si può sapere qual è la resistenza al rotolamento, che è legata ai consumi di carburante

Pneumatici, il trucco per conoscerne l'efficienza

Sono le “scarpe” delle auto, l’unico punto di contatto col suolo, una sorta di “bancomat” su cui poggia l’intero veicolo: parliamo degli pneumatici. Sempre più evoluti e tecnologici: che ci si riferisca a quelli estivi o a quelli invernali (cui stiamo un dedicando un dossier: "Viaggiare d'inverno"), poco importa. Per conoscerli di più, con l’aiuto di pneumaticisottocontrollo.it, ne abbiamo visto l’etichetta, che indica numerose caratteristiche, una delle più importanti delle quali è la resistenza al rotolamento. Di che si tratta, esattamente? Facciamo una piccola premessa: a causa del peso dell’auto, lo pneumatico si deforma nell’area di contatto con la superficie stradale. Questa deformazione induce perdite interne di energia, come accade a una palla di gomma che cadendo non ritorna mai alla stessa altezza da cui è stata lanciata. Qui entra in gioco la resistenza al rotolamento, una forza che agisce in direzione opposta a quella di moto, durante il rotolamento dello pneumatico. Il motore deve fornire una forza per compensare la resistenza al rotolamento. E così, c’è un aumento del consumo di carburante.

Un occhio al consumo di carburante

Indicativamente, una riduzione del 6% della resistenza al rotolamento può abbassare i consumi di carburante dell’1%. Assieme a questo, un’infinità di fattori incidono sul consumo di carburante: dall’aerodinamica al peso del veicolo, dalla tipologia di motore alla presenza di sistemi ausiliari come l’impianto di condizionamento, dalla pendenza della strada allo stile di guida, dal livello di pressione degli pneumatici, fino alle accelerazioni e alle generali condizioni di traffico, con gli “stop and go” (frenate e ripartenze in coda) che possono essere deleteri per il portafogli.

In termini tecnici…

Usando la terminologia utilizzata dai Produttori di pneumatici, la resistenza al rotolamento può essere espressa come un coefficiente: la forza di rotolamento divisa per il carico della gomma. Questo coefficiente consente di confrontare con più facilità pneumatici progettati per essere montati su vetture differenti.

Come si conosce la resistenza al rotolamento

Sull’etichetta, si legge la classe di resistenza al rotolamento, cui corrisponde una classe di efficienza energetica: questa va dalla A (verde) alla G (rossa), passando per classi intermedie gialle. Insomma, basta un’occhiata di due secondi per capire al volo l’efficienza energetica della gomma.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , pneumatici , pneumatici invernali


Top