dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 20 dicembre 2016

Multe, ecco come pagarle a rate

Il pagamento dilazionato è riservato però a chi ha un reddito molto basso

Multe, ecco come pagarle a rate

In un periodo in cui la disoccupazione dilaga, anche una multa per infrazione al Codice della Strada può rappresentare un peso gravosissimo per chi la subisce. Ecco perché con circolare 307 del 29 novembre 2016, la Prefettura di Torino è stata chiamata a occuparsi della possibilità di pagare le multe a rate. Come evidenzia poliziamunicipale.it, il Prefetto conferma quanto dice il Codice della Strada. I soggetti tenuti al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria per una o più violazioni accertate contestualmente con uno stesso verbale, possono pagare i verbali poco per volta. Tuttavia, sono necessari alcuni requisiti.

Che cosa è necessario

Anzitutto, serve che l'importo complessivo sia superiore a 200 euro. Secondo: hanno diritto a pagare a rate le persone che versino in condizioni economiche disagiate. Ossia chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a 10.628,16 euro. Attenzione: se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia; e i limiti di reddito sono elevati di 1.032,91 euro per ognuno dei familiari conviventi.

A chi chiedere la rateizzazione delle multe

La richiesta è presentata al Prefetto se la violazione sia stata accertata da funzionari, ufficiali e agenti. Va invece presentata al presidente della giunta regionale, al presidente della giunta provinciale o al sindaco, nel caso in cui la violazione sia stata accertata da funzionari, ufficiali e agenti, rispettivamente, delle Regioni, delle Province o dei Comuni.

Quanti mesi

Sulla base delle condizioni economiche del richiedente e dell'entità della somma da pagare, l'autorità dispone la ripartizione del pagamento fino a un massimo di 12 rate se l'importo non supera 2.000 euro. E fino a un massimo di 24 rate se l'importo non supera 5.000 euro. Infine, sino a un massimo di 60 rate se l'importo supera 5.000 euro. Ogni rata non può essere inferiore a 100 euro. Occhio: si applicano gli interessi al tasso previsto dall'articolo 21 del decreto del presidente della Repubblica 602/1973.

[Fonte: RicercaGiuridica.com]

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , multe


Top