dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 2 gennaio 2008

A Milano si entra con l'ECOPASS

Come e quanto si deve pagare per guidare nel capoluogo lombardo

A Milano si entra con l'ECOPASS

Anno nuovo, regole nuove. Da oggi per entrare nel centro di Milano le auto più inquinanti dovranno pagare un pedaggio giornaliero. Il capoluogo lombardo è, infatti, il primo comune in Italia ad adottare un provvedimento antismog che prevede l'acquisto di un ticket antinquinamento chiamato "Ecopass" che serve per circolare in città con la propria auto.

Il principio di questa nuova regola è semplice: le chi non inquina non paga. Attenzione infatti perché si tratta di una pollution charge e non di una congestion charge come quella adottata a Londra e che si applica indifferentemente su tutti i veicoli. Come ha più volte ricordato il sindaco Letizia Moratti, che ha difeso a lungo l'Ecopass dalle resistenze nate anche all'interno della sua stessa maggioranza, l'obiettivo del ticket antismog è quello di ridurre del 30% le emissioni inquinanti nel centro cittadino e alleggerire del 10% il traffico veicolare. E' così che stamattina è partito l'anno di sperimentazione di questo progetto da 2 miliardi di euro, al termine della quale, sulla base dei risultati raggiunti, l'amministrazione deciderà se proseguire sulla strada intrapresa.


CHI PAGA E QUANTO SI PAGA
In città le tariffe per entrare un singolo giorno nella Cerchia dei Bastioni sono modulate a seconda del livello di inquinamento delle emissioni del veicolo ed ammontano a 2, 5 e 10 euro. Sono esentati dal ticket antismog le vetture Gpl, a metano, elettrici, ibridi; auto e veicoli merci a benzina Euro 3 e Euro 4, o più recenti; auto e veicoli merci diesel Euro 4 o più recenti con filtro antiparticolato omologato; auto e merci diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato (esentati per 3 mesi a partire dal 2 gennaio 2008); nonché moto e ciclomotori. Se poi si vuole essere sicuri che la propria vettura rientri nel provvedimento la cosa più semplice da fare è chiamare il call center del Comune 02.02.02, attivo 24 ore su 24, e fornire il numero di targa.

COME SI COMPRA UN ECOPASS
Il pedaggio è in vigore dal lunedì al venerdì dalle 7,30 alle 19,30. Si possono acquistare varie tipologie di Ecopass e attraverso varie modalità. Ci sono i "gratta e passa" per un solo giorno; i gratta e passa da 20, 50 o 100 euro per più ingressi (senza sconto); pacchetti scontati per i primi cento ingressi e gli abbonamenti per i residenti all'interno della Cerchia.
I gratta e passa giornalieri ed i pacchetti di ingressi multipli si possono acquistare nelle tabaccherie, nelle edicole e negli Atm point; oppure on line con carta di credito. Attivo anche l'acquisto telefonico al numero verde 800.437.437, in funzione dalle 7 alle 20, dal lunedì al sabato, e per tutto gennaio anche di Domenica, con carta di credito. I Ticket antismog sono in vendita anche presso gli sportelli bancomat di Intesa-San Paolo.

ATTIVARE UN ECOPASS
Dopo aver acquistato un "gratta e passa" si deve anche attivare il giorno stesso dell'ingresso oppure entro le 24 del giorno successivo. Per farlo occorre grattare il rettangolo argentato e scoprire il pin, che deve essere comunicato con la targa al numero verde 800.437.437 oppure al sito del Comune o ancora inviando un sms al 339.9940437.
Se non si effettua il pagamento entro le ore 24:00 del giorno successivo, è prevista una multa di 70 euro, più 11 euro di spese di notifica.

ESSERE INFORMATI
Da notare che se i residenti sono stati informati da 765 mila lettere scritte e firmate dalla stessa Letizia Moratti, chi arriva da fuori città riceve le prime informazioni da una serie di cartelloni disposti a bordo strada. Anche nel tratto autostradale che circonda il capoluogolombardo è stato scritto sui diversi pannelli a messaggio variabile: "dal 2 gennaio Ecopass in centro a Milano, infoline 020202". Da notare che ogni varco ha una via di fuga per permettere di tornare indietro ed evitare l'entrata nella zona rossa se non si dispone ancora dell'Ecopass. Meglio di niente...

Autore:

Tag: Attualità , mobilità sostenibile , inquinamento


Top