dalla Home

Motorsport

pubblicato il 12 dicembre 2016

Formula 1: Ferrari, le novità del motore 6 cilindri 2017

Lo 062/1 punterà sull'efficienza della combustione per incrementare le prestazioni e ridurre i consumi

Formula 1: Ferrari, le novità del motore 6 cilindri 2017

La Ferrari cambia la power unit per il 2017. Il 6 cilindri turbo che sarà montato sulla nuova Rossa sarà un motore totalmente nuovo che avrà poco in comune con lo 061/1 che ha corso quest’anno. Anzi, stando alle indiscrezioni che filtrano dal Reparto Corse, è molto probabile che l’unità del Cavallino possa riallacciare il filo alla genealogia dello 059/4 che tanto bene aveva impressionato nel corso della stagione 2015, quando Sebastian Vettel era riuscito a conquistare tre vittorie con la SF15-T. Perché Lorenzo Sassi, chief designer del motore, avrebbe fatto un… passo indietro? La ragione è piuttosto semplice: i motoristi della Gestione Sportiva quest’anno hanno puntato sull’incremento della pressione di sovralimentazione del turbo arrivando a picchi di oltre 5 bar, mentre nella precedente configurazione non si superavano i 3,5 bar.

L’obiettivo era puntare sull’efficienza del turbo, ma aver spinto troppo sul sistema di sovralimentazione ha messo in evidenza dei problemi di affidabilità che non hanno permesso di spingere tutto il potenziale visto al banco prova, per cui anche la capacità di ricarica dell’ERS, grazie all’MGU-H, è stata minore rispetto alle aspettative. In parte, quindi, si possono spiegare le mutevoli prestazioni della SF16-H nei diversi momenti dei GP: la ricarica della batteria è stata una delle problematiche che i tecnici hanno dovuto affrontare, seguendo il filone di sviluppo che era stato “consigliato” dai consulenti AVL che hanno collaborato e tutt’ora collaborano con il gruppo dei motoristi che è coordinato da Wolf Zimmermann.

Lo sviluppo 2017, invece, porta il motore termico a essere l’elemento principale della ricerca: l’evoluzione del disegno della camera di combustione ha permesso un sensibile aumento della pressione grazie al sistema di alimentazione TJI (Turbulent Jet Ignition System) studiato dalla Mahle che utilizza una sorta di cappuccio intorno alla candela creando una camera di pre-combustione che facilita la propagazione di fiamma. I motoristi del Cavallino, quindi, stanno spingendo per incrementare anche la pressione di iniezione del carburante (si può arrivare fino a 500 bar) sfruttando magari un iniettore con una punta tanto fine da riuscire a stare all’interno del cappuccio della candela. È pensabile che il 6 cilindri Ferrari del prossimo anno possa sfruttare una tecnologia con le multi-iniettate per migliorare l’efficienza del motore garantendo un incremento delle prestazioni, ma anche un’interessante riduzione dei consumi, tenuto conto che nel 2017 la portata del carburante sarà leggermente aumentata.

Alla Ferrari, insomma, vogliono rompere quella che è una supremazia ininterrotta della Mercedes dacché è nata la Formula ibrida inaugurata nel 2014. A Maranello hanno fallito il sorpasso che era stato programmato per Monza (da Brixworth hanno tirato fuori un’evoluzione della power unit che ha portato la potenza massima a 980 cavalli!), ma il piano di avvicinamento alle prestazioni della Stella non si è mai fermato. Il motore 062/1, pertanto, sarà totalmente nuovo: avrà poco in comune con quello che ha caratterizzato la stagione appena conclusa. E i quattro motori che saranno concessi per ciascun pilota nel corso del prossimo anno non dovranno sottostare a uno sviluppo limitato dai gettoni da giocare (quest’anno erano 32), ma ci sarà la libertà di realizzare quattro unità diverse una dall’altra, permettendo sviluppi significativi anche nel corso del campionato.

Gli esperti dicono che con le nuove regole 2017 le prestazioni delle monoposto saranno condizionate più dalle gomme e dalle concessioni aerodinamiche che dalle power unit. A sentire da cosa bolle in pentola fra i motoristi, invece, aspettiamoci un ulteriore incremento dell’efficienza dei sei cilindri che inseguono il raggiungimento della tecnologia HCCI (motori benzina che vengono usati come dei diesel facendo a meno della candela, visto che l’accensione avverrebbe per compressione del carburante). La strada è indicata: sarà interessante scoprire chi per primo riuscirà a risolvere questo arcano…

Questa e altre notizie su Motorsport.com.

Autore:

Tag: Motorsport , Ferrari , formula 1


Top