dalla Home

Attualità

pubblicato il 6 dicembre 2016

Apple investe e l'obiettivo è la guida autonoma

A Cupertino qualcosa si smuove e l'intelligenza artificiale per i trasporti è sempre più concreta

Apple investe e l'obiettivo è la guida autonoma
Galleria fotografica - L'Apple iCar sarà così?Galleria fotografica - L'Apple iCar sarà così?
  • L\'Apple iCar sarà così? - anteprima 1
  • L\'Apple iCar sarà così? - anteprima 2
  • L\'Apple iCar sarà così? - anteprima 3
  • L\'Apple iCar sarà così? - anteprima 4
  • L\'Apple iCar sarà così? - anteprima 5
  • L\'Apple iCar sarà così? - anteprima 6

Se fino a ieri si era parlato di uno stop alla guida autonoma firmata Apple, ora invece giunge la notizia di importanti investimenti da parte della Mela. Il progetto Titan non è stato archiviato e anzi, pare proprio essere tornato in voga poiché da Cupertino è stata inviata una lettera inequivocabile. È infatti saltato fuori un documento inviato alla sicurezza stradale statunitense (Nhtsa) chiedendo semplicemente se Apple possa avere le stesse opportunità in termini di test stradali degli altri competitor, Tesla, una su tutti.

La lettera Apple

Le informazioni giungono direttamente dal sito Venture Beat sul quale è apparsa la famosa lettera Apple datata 22 Novembre 2016. L’interesse per la guida autonoma è tutt’altro che svanito e Steve Kenner (direttore dell’integrità del processo produttivo della società) non chiede altro che un trattamento paritario che porti a “benefici per l’umanità” e “milioni di incidenti e migliaia di morti all'anno evitati”.

Nessun limite per il futuro

Non c'è ancora certezza rispetto a cosa accadrà nei prossimi anni, ma la lettera inviata da Cupertino parla chiaro. Non è infatti esclusa la possibilità di uno sviluppo di un software per la guida autonoma, da abbinare a veicoli già esistenti. Ed è altrettanto aperta l’ipotesi secondo cui dalla casa della Mela esca un’auto costruita da zero. In entrambi i casi lo scenario non è imminente e per vedere qualche risultato bisognerà attendere almeno il 2020. Nel frattempo Apple si è rivolta a degli esperti del settore proveniente da QNX, l’azienda che ha sviluppato il sistema operativo di Blackberry. Insomma, l’interesse per l’intelligenza artificiale applicata al settore dei trasporti è più vivo che mai e non mancheremo di tornare sull’argomento con i prossimi aggiornamenti.

Autore: Lorenzo Catini

Tag: Attualità , dall'estero , guida autonoma


Top