dalla Home

Curiosità

pubblicato il 29 novembre 2016

Dossier Motor Show di Bologna 2016

Mazzanti Evantra 771, aggiornamento di potenza

Il nuovo allestimento, disponibile dal 2017, introduce anche nuove migliorie aerodinamiche ed estetiche

Mazzanti Evantra 771, aggiornamento di potenza
Galleria fotografica - Mazzanti Evantra 771Galleria fotografica - Mazzanti Evantra 771
  • Mazzanti Evantra 771 007 - anteprima 1
  • Mazzanti Evantra 771 005 - anteprima 2
  • Mazzanti Evantra 771 006 - anteprima 3
  • Mazzanti Evantra 771 009 - anteprima 4
  • Mazzanti Evantra 771 002 - anteprima 5
  • Mazzanti Evantra 771 001 - anteprima 6

Quando un'auto sportiva viene chiamata con un numero, spesso questo identifica il numero dei CV sprigionati dal suo propulsore. La Evantra 771, che debutta al Motor Show di Bologna 2016, non fa eccezione: il 7.0 V8 che equipaggia la Evantra "standard" sale infatti da 751 a 771 CV; un incremento che, su un'auto da circa 1300 kg, promette di sentirsi tutto. Ovviamente non finisce qui: i tecnici hanno lavorato sull'aerodinamica e sull'estetica della supercar per migliorarne la resa su strada e, contemporaneamente, l'impatto visivo. La Evantra 771 ha uno splitter anteriore di nuova concezione, una nuova presa d'aria sul tetto e un inedito spoiler posteriore che aumenta la deportanza e che "arricchisce" la linea.

Anche all'interno l'Evantra si aggiorna. L'abitacolo, altamente personalizzabile dai clienti, ora ha anche elementi digitali. Innegabile l'influenza della Millecavalli, la hypercar basata sulla Evantra che Mazzanti ha presentato in anteprima lo scorso giugno al Parco Valentino di Torino e che al momento si trova in uno stadio avanzato di sviluppo. Chi invece si è "accontentato" di una semplice Evantra, sappia che l'allestimento 771 è "retroattivo", nel senso che gli attuali possessori possono richiedere l'aggiornamento estetico e meccanico della loro supercar. Ricordiamo che l'Evantra, prodotta in soli cinque esemplari all'anno, è progettata e realizzata in Toscana e il suo nome deriva da quello della dea etrusca dell'immortalità.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , auto italiane , motor show


Top