dalla Home

Home » Argomenti » Auto e Salute

pubblicato il 29 novembre 2016

Dossier Auto e Salute

Vista, 3 regole per guidare sempre in sicurezza

Nella nostra micro-guida vi ricordiamo che cosa bisogna fare anche se non portate gli occhiali

Vista, 3 regole per guidare sempre in sicurezza

Il Codice della Strada è perentorio in fatto di vista: se volete la patente, dovete avere determinati requisiti. C'è un lungo elenco, e fra i vari elementi segnaliamo un campo visivo normale e senso cromatico sufficiente per distinguere rapidamente i colori della segnaletica, una sufficiente visione notturna e la visione binoculare. Necessaria un'acutezza visiva non inferiore ai 10 decimi complessivi con non meno di 2 decimi per l'occhio che vede di meno (raggiungibile con lenti). Al di là della teoria, in concreto che cosa si può fare per guidare in sicurezza grazie a una vista ottimale? In basso, tre dritte. Utili non solo per stare in auto senza fare incidenti, ma anche a tutela della salute in generale.

Tris vincente

#1. Una volta l'anno, sottoponetevi a una visita oculistica. E comunque, appena vi accorgete che qualcosa non quadra, che non mettete più bene a fuoco le altre auto o i cartelli, prenotate subito una visita. Se siete over 40 anni, è il caso di fare ancora più attenzione, perché nel tempo ci sono maggiori probabilità che la vista cali. Non parliamo della sola visita (pure importantissima ed eseguita con cura) dall'ottico, figura preziosissima; serve anche un oculista. Che vada a caccia di problemi a livello di cornea, cristallino, retina e altri organi delicati.

#2. Buon senso. Se avete problemi di vista, anche minimi, indossate immediatamente gli occhiali (o lenti a contatto), sempre d'accordo con l'oculista. Come in seguito comparirà sulla patente. Andrete dritti a centrare due obiettivi: guidare in sicurezza e migliorare il vostro stato di salute generale. Se vedete bene, siete più freschi, reattivi, lucidi. In quanto alle lenti a contatto, l'oculista darà l'ok: occorre evitare danni alla cornea. E comunque, con le lenti a contatto, portate in auto lacrime artificiali, e tenete con voi gli occhiali correttivi: se l'occhio si stanca, via le lenti, ed ecco gli occhiali al volo. Ancor di più con la brutta stagione: la pioggia tende ad annullare le distanze, a non farci capire quanto sia distante l'auto davanti. E se la strada è piena di buche, le vibrazioni affaticano la vista: moderare la velocità. Infine, alla larga dagli occhiali privi di certificazione: lasciano penetrare raggi nocivi e pongono le premesse per le alterazioni della retina.

#3. Cervello in forma. Verdura, frutta, pesce azzurro e acqua sono alleati della vista. Inoltre, no alle abbuffate prima di mettervi al volante: l'intestino attira sangue sottraendolo al cervello, e la vista può peggiorare leggermente. No ai vestiti stretti, che possono impedire l'afflusso di sangue alla testa: al volante, cautela con cravatte super annodate e camicie col collo stretto.

L'opera di devastazione del fumo

Le 4.000 sostanze sprigionate dal fumo di sigaretta tendono a distruggere la prostata, rendendo anche impotenti, causano il cancro ai polmoni, devastano un po' tutti gli organi del corpo umano. Fra gli innumerevoli guai del fumo, ci sono quelli a retina e nervo ottico. Per non parlare dell'attacco alla pellicola lacrimale, con abbassamento della vista e un senso di rimbambimento generalizzato. Se non siete fumatori attivi, e in auto con voi sale un fumatore, rammentate che concedendogli una sigaretta nell'abitacolo gli permettete di farvi seriamente del male, anche alla vista, agli occhi.

In collaborazione con Aldo Ferrara, professore di malattie respiratorie dell'Università di Siena, Executive Manager dell'A​ssociazione European Automotive Medicine (ERGAM), e autore di “Fisiologia clinica alla guida”, Piccin Ed. 2015.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , salute


Top