dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 23 novembre 2016

Dossier Viaggiare d’inverno, speciale pneumatici invernali

Pneumatici invernali, le 5 regole della manutenzione

Dalla giusta pressione ai controlli periodici, ecco come “tenere in forma” le gomme da neve

Pneumatici invernali, le 5 regole della manutenzione
Galleria fotografica - I pneumatici invernaliGalleria fotografica - I pneumatici invernali
  • I pneumatici invernali 007 - anteprima 1
  • I pneumatici invernali 006 - anteprima 2
  • I pneumatici invernali 010 - anteprima 3
  • I pneumatici invernali 004 - anteprima 4
  • I pneumatici invernali 005 - anteprima 5
  • I pneumatici invernali 003 - anteprima 6

Asfalto rovinato, buche, fango, frenate continue, accelerazioni: gli pneumatici invernali devono sopportare di tutto. Senza considerare il carico costante della macchina, più il guidatore, i passeggeri, le valigie e le varie attrezzature nel bagagliaio. Motivo per cui le gomme termiche hanno… il pieno diritto a essere trattate come regine: non è sufficiente utilizzare la massima attenzione al momento dell'acquisto; serve anche un'accurata manutenzione. Specie adesso che si va incontro al freddo, e che le piogge stanno mettendo a dura prova le strade, con la possibilità di nevicate. Proprio per questo, ecco alcuni punti-chiave, alcuni dei quali individuati da Assogomma.

Le norme da seguire

1.Recatevi periodicamente da un gommista professionista. Alla larga da soggetti non specializzati, improvvisati, che rappresentano un pericolo per la sicurezza stradale.

2.Occhio alla pressione. Fate gonfiare gli pneumatici da un gommista alla pressione nominale indicata nel libretto di uso e manutenzione del costruttore del veicolo. Quando? Possibilmente una volta al mese. E comunque sempre prima di un lungo viaggio.

3.Fate verificare sempre il limite di usura: non dev'essere inferiore a 1,6 millimetri per le automobili. Occhio però: mai raggiungere quel limite, visto che siamo già “tiratissimi”. È consigliabile almeno di 4 millimetri. Effettuate un controllo veloce con una moneta da 2 euro: la parte esterna di colore grigio è nascosta dal battistrada? Allora lo spessore di quest'ultimo è ok.

4.Date la caccia ai danneggiamenti visibili: tagli e rigonfiamenti. Se ne beccate anche uno solo, recatevi velocemente dal gommista e procedete alla sostituzione.

5.Occhi puntati sulle valvole: non devono essere crepate. Accertatevi che i tappucci su siano serrati a dovere. Eseguite l'ispezione con una torcia che illumini ogni pneumatico, perché talvolta il guaio è un po' nascosto, e non si vede bene alla luce naturale.

E una volta tolte

Ci portiamo avanti col lavoro, visto che è meglio prevenire: una volta che sarà terminata la stagione invernale 2016/17, se correttamente conservati quando non utilizzati, gli pneumatici invernali possono svolgere il loro compito in modo adeguato anche per anni. Ovviamente, dipende dal numero di chilometri fatti, dal tipo di utilizzo, dallo stile di guida, dalla presenza di neve e fango mentre si viaggia e da altri mille fattori. Ma cosa vuol dire conservarli in maniera corretta? Grosso modo, piazzarli in un ambiente buio. Che sia anche asciutto e possibilmente fresco.

Qui il dossier pneumatici invernali

Autore: Redazione

Tag: Tecnica , pneumatici invernali


Top