dalla Home

Home » Argomenti » Carburanti alternativi

pubblicato il 22 novembre 2016

BMW: l'auto del futuro sarà elettrica e connessa

In agenda Mini Countryman plug-in, i8 roadster, MINI e X3 elettrica, in un percorso condiviso verso la guida autonoma

BMW: l'auto del futuro sarà elettrica e connessa
Galleria fotografica - BMW, il presente e il futuro elettricoGalleria fotografica - BMW, il presente e il futuro elettrico
  • BMW, il presente e il futuro elettrico 001 - anteprima 1
  • BMW, il presente e il futuro elettrico 002 - anteprima 2
  • BMW, il presente e il futuro elettrico 003 - anteprima 3
  • BMW, il presente e il futuro elettrico 004 - anteprima 4
  • BMW, il presente e il futuro elettrico 005 - anteprima 5
  • BMW, il presente e il futuro elettrico 006 - anteprima 6

Il Gruppo BMW parte all'attacco e pensa in modo forte ad un futuro elettrico, a 100 anni dalla nascita e a 50 anni dalla fondazione di BMW Italia: è quanto è emerso dalle recenti dichiarazioni dei responsabili della Casa di Monaco all'Urban Mobility Symposium di Firenze, e sta dando i suoi primi frutti con la commercializzazione di nuove vetture elettriche, a cominciare dalla BMW i3 94 Ah, dall'annuncio di modelli elettrici e ibridi di nuova generazione e dall'accordo con società di gestione dell'energia, realizzato in Italia con Enel, ad esempio con il modello i3 Enel Edition, e un servizio chiavi in mano denominato ChargeNow.

Nuovi modelli elettrici entro il 2021

Il percorso futuro di BMW punta decisamente verso l'auto elettrica, seguendo un percorso già iniziato da alcuni anni. Dopo la sperimentazione con la prima MINI E del 2009, prima vettura del gruppo in serie limitata ma ad ampia diffusione, si arriva alla recente gamma BMW i del 2013, sub-brand che rappresenta il banco di prova per le future novità tecnologiche di casa: oltre alla sportivissima i8 ibrida, c'è oggi la nuova i3 in versione 94 Ampere-ora, che grazie agli otto pacchi batterie con elettroliti diversi prodotti appositamente da Samsung arriva a raggiungere 245 km di autonomia in utilizzo tipico anche senza l'uso dell'opzione Range Extender a benzina. E tante saranno le novità dei prossimi anni, secondo le dichiarazioni di Sergio Solero, Presidente e AD di BMW Italia: nel 2017 la MINI Countryman ibrida plugin, nel 2018 la i8 Roadster, nel 2019 la nuova MINI E e nel 2020 la BMW X3 elettrica, per arrivare nel 2021 alla BMW iNext, concept che segnerà un ulteriore passo avanti nella tecnologia dell'elettrificazione. E nel frattempo arriverà anche la Rolls-Royce iPerformance, per allargare la tecnologia elettrica anche alle esclusive ammiraglie.

BMW del futuro autonoma e connessa, anche con Enel

Oggi le auto di BMW a motorizzazione ibrida o elettrica sono 7, e le BMW i vendute nel mondo sono 100.000, di cui 60.000 i3. Ma domani? Secondo BMW, l'auto del futuro è simboleggiata da quattro "assi", come in una mano vincente di poker: sarà automatizzata, connessa, elettrificata e condivisa. Già oggi i sistemi di connettività a bordo delle nuove BMW, tra cui la i3 o la nuova Serie 5, prevedono una scheda Sim su ogni modello, che si può configurare a piacimento (e a pagamento), dai servizi base di soccorso fino al BMW connected cloud, che ha specifiche applicazioni e dialoga con gli smartphone. Poi ci sono le forme di collaborazione, fino a vere e proprie partnership, con tutti gli attori coinvolti in questo percorso. Ad esempio, i servizi di car sharing DriveNow, o i legami con le amministrazioni pubbliche, tra cui il Comune di Firenze che ha di recente installato 173 stazioni di ricarica di nuova generazione. E c'è Enel, con la quale BMW ha sviluppato una specifica Card per un servizio chiavi in mano denominato ChargeNow, una i3 con allestimento speciale Enel Edition dedicata per il momento ai dipendenti del gruppo italiano, e un progetto futuro di circa 180 stazioni di ricarica autostradali (eva+), che saranno pronte nel 2017 in Italia e Austria, promosso insieme a vari produttori di veicoli elettrici. Un processo appena iniziato, che porterà alle BMW del futuro, elettriche, connesse e con guida autonoma "a richiesta": le vedremo circolare normalmente fra una ventina d'anni, e saranno destinate a chi ancora utilizzerà l'auto come mezzo proprio.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Bmw , auto elettrica , auto ibride


Top