dalla Home

Test

pubblicato il 21 novembre 2016

Seat Leon, ora è anche high-tech

La compatta spagnola si rinnova nel look e migliora nelle dotazioni tecnologiche. In vendita da febbraio con un nuovo 1.6 turbodiesel da 115 CV

Seat Leon, ora è anche high-tech
Galleria fotografica - Seat Leon restyling 5 porteGalleria fotografica - Seat Leon restyling 5 porte
  • Seat Leon restyling 5 porte 001 - anteprima 1
  • Seat Leon restyling 5 porte 002 - anteprima 2
  • Seat Leon restyling 5 porte 003 - anteprima 3
  • Seat Leon restyling 5 porte 004 - anteprima 4
  • Seat Leon restyling 5 porte 005 - anteprima 5
  • Seat Leon restyling 5 porte 006 - anteprima 6

Con un 2016 nel quale si appresta a registrare il miglior fatturato di sempre, la Seat continua il suo percorso di ampliamento e aggiornamento della gamma. Dopo la SUV Ateca, in attesa della nuova Ibiza e della crossover Arona che arriveranno l'anno prossimo, la Casa spagnola presenta la rinnovata Leon. Un modello che viene aggiornato nel look, nelle dotazioni e debutta con un nuovo 1.6 turbodiesel da 115 CV per cercare di conquistare una quota di mercato maggiore nell'affollato segmento C (quello delle berline compatte), dove la "cugina" Volkswagen Golf la fa da padrona. Per vedere la Seat Leon dietro le vetrine delle concessionarie bisognerà aspettare febbraio 2017, ma l'auto è già ordinabile nelle versioni a 5 porte e famigliare ST: la più sportiva 3 porte, che in casa Seat chiamano SC, arriverà nel corso dell'anno prossimo insieme alla nuova Cupra da 300 cv.

Come è fatta

Se la Golf resta il punto di riferimento di questa fascia di mercato, mai come oggi la Seat Leon può essere considerata una valida alternativa. Le modifiche apportate all'estetica, principalmente nel frontale con una nuova mascherina, paraurti ridisegnati e fari full led (stessa tecnologia anche per i fanali), danno alla Leon un aspetto più personale. Specialmente se si sceglie una delle tre nuove tinte per la carrozzeria: rosso Desire, Blu Mystery e Violetto Boheme. Le migliorie introdotte in abitacolo aumentano invece la sensazione di qualità percepita e benessere a bordo: adesso ad accogliere guidatore e passeggeri c'è un'atmosfera più ricercata e tecnologica. Merito innanzitutto del sistema di accesso senza chiave, delle luci d'ambiente a led (si può scegliere tra 8 differenti tonalità), del freno di stazionamento elettrico e del tasto di avviamento del motore sul tunnel centrale. Nella plancia (dall'aspetto sempre piuttosto minimal) spicca un nuovo schermo touch da 8" per il sistema multimediale: oltre ad avere dimensioni maggiori non ha più tasti fisici ai lati (è rimasta solo una pratica rotellina per la regolazione del volume). Tra le novità della Seat Leon non mancano poi le più moderne tecnologie introdotte con la Ateca per una completa integrazione con gli smartphone: oltre alle funzioni di Apple Carplay e Andoid Auto è possibile ricaricare il proprio dispositivo via wireless e la funzione Voice Replay converte in messaggi vocali i testi di mail, sms, Twitter e Facebook. Infine, entro la fine dell'anno prossimo sarà disponibile anche un nuovo quadro strumenti completamente digitale.

Come va

Detto che da un punto di vista dinamico la Seat Leon si conferma una delle compatte a cinque porte (ma anche station wagon) più piacevoli da guidare - specialmente tra le curve per lo sterzo piuttosto preciso e le sospensioni "rigidine" - è nei trasferimenti più lunghi e in città che si possono apprezzare maggiormente le novità della versione 2017. Nuovi pannelli fonoassorbenti isolano meglio l'abitacolo dalle fonti di rumore e i più recenti dispositivi di aiuto alla guida rendono meno stressante - e più sicura - la permanenza a bordo. Il City Emergency Brake con riconoscimento dei pedoni frena automaticamente l'auto per evitare possibili collisioni, mentre la funzione Traffic Jam Assist del cruise control adattivo dà un assaggio di quella che sarà la guida autonoma: la Seat Leon accelera, frena e aziona il volante in maniera autonoma fino a una velocità di 60 km/h per seguire il flusso del traffico. Nel test drive svolto nei dintorni di Barcellona abbiamo apprezzato il nuovo 1.6 turbodiesel da 115 CV che sulla carta assicura prestazioni interessanti: 197 km/h di velocità massima, 9,8 secondi per passare da 0 a 100 km/h e una percorrenza media (dichiarata) di 23,8 km/l. Numeri che su strada si traducono in una guida sempre fluida (specialmente con il cambio automatico DSG a doppia frizione) grazie ai 250 Nm di coppia disponibili lungo un ampio arco di utilizzo: da 1.500 a 3.250 giri. Difetti? Non è un super campione di silenziosità: in accelerazione fa sentire un po' la sua voce in abitacolo…

Curiosità

Il piacevole comportamento stradale della Seat Leon è dovuto a un'ottimale messa a punto del suo assetto: è un buon compromesso tra le esigenze di comfort tipiche di una vettura da famiglia con il dinamismo che ci si aspetta da "un'auto emocion". Le sospensioni all'anteriore prevedono uno schema McPherson, mentre al posteriore c'è un assale semirigido. Non tutte le Seat Leon sono però uguali: la più sportiva versione FR (ha un 2.0 turbodiesel da 184 CV) e la Leon ST X-perience dotata di trazione integrale 4Drive con frizione Haldex al posteriore utilizzano un più raffinato schema Multilink. Una scelta obbligata sulla versione a quattro ruote motrici per la presenza dell'albero di trasmissione e tecnica per la FR: rispetto al ponte semitorcente lo schema Multilink assicura un miglior contatto della ruota con la strada a vantaggio della tenuta di strada, specialmente in curva e in presenza di fondo stradale irregolare.

Quanto costa

Come anticipato, la rinnovata Seat Leon arriverà nelle concessionarie a febbraio dell'anno prossimo, ma per chi fosse interessato all'acquisto è già ordinabile presso la rete. I prezzi partono dai 20.300 euro della versione a 5 porte con il motore 1.2 TSI benzina da 86 cv in allestimento Style, fino a raggiungere i 32.700 euro della famigliare ST X-perience con il 2.0 TDI da 150 CV e la trazione integrale 4Drive. La gamma motori a benzina è composta dal 1.2 TSI in configurazione da 86 e 110 CV, 1.4 TGI da 110 CV con doppia alimentazione benzina/metano e 1.4 TSI ACT da 150 CV con disattivazione temporanea di alcuni cilindri. L'alternativa diesel, invece, è rappresentata dal 1.6 turbodiesel da 90 e 115 CV e dal 2.0 declinato in due livelli di potenza: 150 e 184 CV. Il cambio automatico DSG è proposto in abbinamento alle unità 1.4 TGI, 1.6 TDI da 115 CV e 2.0 TDI. Tre sono gli allestimenti: Style, FR e il nuovo Excellence, praticamente "full optional".

La Scheda

Motorizzazione provata: 1.6 TDI 115 CV Style
Quando arriva: febbraio 2017
Quanto costa: 22.850 euro
Quanti CV ha: 115 CV
0-100 km/h: 9,8 secondi
Quanto consuma (ciclo combinato): 4,2 l/100 km
Quanta CO2 emette: 115 g/km
Garanzia: 2 anni/100.000 km

Autore: Federico Ruffino

Tag: Test , Seat , auto europee


Top