dalla Home

Novità

pubblicato il 17 novembre 2016

Volkswagen e-Golf, restyling più potente e tecnologico

La nuova batteria le garantisce fino a 300 km di autonomia e con il Discover Pro si comanda anche a gesti

Volkswagen e-Golf, restyling più potente e tecnologico
Galleria fotografica - Volkswagen e-Golf restylingGalleria fotografica - Volkswagen e-Golf restyling
  • Volkswagen e-Golf restyling 001 - anteprima 1
  • Volkswagen e-Golf restyling 002 - anteprima 2
  • Volkswagen e-Golf restyling 003 - anteprima 3
  • Volkswagen e-Golf restyling 004 - anteprima 4
  • Volkswagen e-Golf restyling 005 - anteprima 5
  • Volkswagen e-Golf restyling 006 - anteprima 6

Il restyling della Volkswagen Golf conferma le attese, ha una nuova batteria più potente (si è passati da 24,2 kWh a 35,8 kWh) e un’autonomia migliorata. Con una sola ricarica la e-Golf, che debutta al Salone di Los Angeles, percorre fino a 300 km (autonomia calcolata in base al ciclo NEDC, New European Driving Cycle). Anche il motore elettrico è stato potenziato - adesso ci sono 19 CV in più rispetto alla precedente (parliamo di 134 CV in totale) - e quindi anche le prestazioni sono migliorate. La Casa tedesca dichiara un tempo di scatto da ferma a 100 km/h in 9,6 secondi (più di un secondo in meno della e-Golf di prima) e una velocità massima di 150 km/h. Quanto ai tempi di ricarica, per arrivare all'80% della batteria utilizzando un sistema rapido che eroga 40 kW è sufficiente un’ora, mentre prendendo energia da una wallbox da 7,2 kW si raggiunge il 100% della ricarica in meno di sei ore. I ritocchi estetici sono gli stessi piccoli aggiornamenti che abbiamo visto sulla versione standard, perché come è noto si tratta di una best seller e quindi la chirurgia estetica procede a piccoli passi, mentre sottopelle c’è molta più tecnologia.

Anche lei si comanda con i gesti

La plancia è chiaramente quella del restyling, con il Digital Cockpit che domina la scena. Come vi abbiamo già detto nell’articolo di approfondimento sulla tecnologia della Golf restyling, la tedesca si può avere per la prima volta con uno schermo a colori da 12,3" che, dietro il volante, mostra diverse informazioni, tra cui la mappa del navigatore in grafica 2D o 3D, ed una risoluzione di 1.440 x 540 pixel. Quello che cambia sulla e-Golf rispetto alle versioni a benzina o diesel è ovviamente la specifica relativa all’alimentazione. E poi c’è il sistema di infotainment Discover Pro che per la prima volta, oltre all’ampia possibilità di personalizzazione, offre il comando gestuale, una novità che avevamo visto in anteprima al CES di Las Vegas nel 2015. Lato connettività, anche sulla e-Golf restyling ci sono le funzionalità Car-Net, con App Connect, Security & Service, Guide & Inform e Media Control, la nuova interfaccia per tablet e smartphone con cui si gestisce l'infotainment di bordo anche da remoto o dai sedili posteriori.

Tanti i dispositivi di ausilio alla guida

Con il restyling la Golf si è arricchita di dispositivi molto sofisticati di guida semiautomatica. Il Front Assist, per esempio, riconosce i pedoni e allerta il guidatore, frenando in automatico se questi non interviene. Un altro dispositivo che sa monitorare l’automobilista è l’Emergency Assist, che frena e addirittura sterza in caso di improvviso malore. Anche il Trailer Assist sterza automaticamente durante le manovre in retromarcia con rimorchio. La nuova e-Golf arriverà in Europa nel 2017 ad un prezzo ancora da comunicare.

Autore:

Tag: Novità , Volkswagen , auto elettrica , los angeles


Top