dalla Home

Curiosità

pubblicato il 17 novembre 2016

Dossier Salone di Los Angeles 2016

Alfa Romeo Stelvio, una lunga storia nel 4x4

Il SUV italiano rinnova la tradizione integrale nata con la Matta e passata per 155 Q4 e Kamal

Alfa Romeo Stelvio, una lunga storia nel 4x4
Galleria fotografica - Alfa Romeo Stelvio e le sue antenate 4x4Galleria fotografica - Alfa Romeo Stelvio e le sue antenate 4x4
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio - anteprima 1
  • Alfa Romeo A.R. 51 Matta - anteprima 2
  • Alfa Romeo 33 1.5 4x4 - anteprima 3
  • Alfa Romeo 155 2.5 V6 TI - anteprima 4
  • Alfa Romeo 156 Crosswagon Q4 - anteprima 5
  • Alfa Romeo Kamal - anteprima 6

L'Alfa Romeo è stata e vuole tornare ad essere paladina delle auto sportive a trazione posteriore Made in Italy, ma nella sua storia trova posto anche la tecnologia 4x4 che oggi torna protagonista con la Stelvio. Il primo SUV della Casa del Biscione trasforma la trazione integrale in nuovo modo di intendere la sportività Alfa Romeo, soprattutto nella versione Quadrifoglio da 510 CV, a ruote alte e con lo spirito della Sport Utility moderna, ma prima della Stelvio ci sono state tante 4x4 Alfa, a partire dalla ormai quasi dimenticata fuoristrada A.R. 51 Matta del 1951. Da quegli anni lontani il mondo e l'automobile sono cambiati molto, ma un veloce sguardo al passato può servire a capire meglio l'anima e lo spirito dell'Alfa Romeo Stelvio.

A.R. 51 Matta, l'unica vera fuoristrada

Partendo proprio dalla A.R. 51 Matta troviamo lo scudetto Alfa Romeo scolpito direttamente nella lamiera del frontale, in pratica una reinterpretazione italiana e più complessa di Jeep Willys e Land Rover, destinata ai militari e in minima parte agli usi civili. L'idea dell'off-roading come attività ricreativa era ancora lontana e un mezzo simile con trazione posteriore e anteriore inseribile manualmente era pensata solo per lavori davvero pesanti nei boschi e sulle strade allora ancora poco asfaltate. Due esemplari riescono però a partecipare alla Mille Miglia del 1952 e una vince la classe dei mezzi militari. L'esperimento di questa fuoristrada col motore dell'Alfa 1900 produce poco meno di 2.000 vetture, davvero poche per smuovere le sorti 4x4 di Alfa Romeo che non torna alla trazione integrale prima del 1983.

Con l'Alfa 33 torna il 4x4

Il 1983 è infatti l'anno di nascita dell'Alfa Romeo 33 1.5 4x4, erede dell'Alfasud che già a trazione anteriore riscuote grande successo di pubblico. La berlina 5 porte e la Giardinetta a trazione integrale montano questa volta la trazione posteriore inseribile con una leva nella console centrale, motore a quattro cilindri contrapposti e un assemblaggio firmato Pininfarina. Da questa e dai successivi restyling deriverà poi la 33 1.7 Sport Wagon 4x4 Quadrifoglio Verde da 102 CV e la 1.7 IE 4x4 da 107 CV. L'evoluzione più sportiva di questa stirpe è la 1.7 IE 16V Permanent 4 Quadrifoglio Verde del 1991 che oltre ai 132 CV sfoggia per la prima volta la trazione integrale permanente con giunto viscoso al posteriore.

Alfa Q4, una sigla nata sulla 155

La sigla Q4 che contraddistingue ancora oggi la tecnologia a trazione integrale della Giulia e della Stelvio esordisce invece nel 1992 sia sulla 33 che sull'Alfa 155 2.0 Turbo 16v Q4, figlia del progetto Tipo 2 con motore da 186 CV e sistema 4x4 a controllo viscoso. Da questa poco conosciuta e spigolosa berlina sportiva nasce una coppia di auto vincenti in pista, quelle 155 GTA e 2.5 V6 TI che trionfano nel Campionato Italiano Superturismo e nel DTM tedesco. Quasi contemporanea è l'ancora più grande Alfa Romeo 164 3.0 V6 24V cat Q4 con 231 CV e trazione integrale permanente a controllo elettronico. A farle da apripista è stata però una spelndida concept dell'epoca, quella Alfa Romeo 164 Proteo del 1991 che è opera di Walter de Silva e propone sia la trazione integrale che le quattro ruote sterzanti.

Con 156 Crosswagon e Kamal il SUV è vicino

Per trovare un'altra Alfa a trazione integrale occorre poi attendere il 2004, anno di nascita della 156 Sportwagon 1.9 JTD 16V Q4 che unisce per la prima volta il motore diesel al 4x4 e della 156 Crosswagon Q4 che sfrutta lo stesso propulsore da 150 CV e la moda di SUV e crossover per offrire una familiare sportiva in stile offroad. Del 2005 è invece la Brera 3.2 JTS V6 Q4 con la bellezza di 260 CV, il differenziale autobloccante centrale Torsen e l'affiancamento della sorella scoperta Spider 3.2 JTS V6 Q4. Lo stesso sei cilindri a iniezione di benzina approda nel 2005 sotto il cofano della 159 3.2 JTS V6 Q4 Berlina a Sportwagon, mentre la trazione integrale caratterizza anche la 159 2.4 JTDm Q4 da 209 CV. Sulla base di queste viene realizzata anche l'Alfa Romeo Kamal, concept del 2005 con trazione integrale permanente e tre differenziali Torsen che per oltre dieci anni fa sognare gli amanti dei SUV e della Casa italiana.

Stelvio: come sposare sport, 4x4 e SUV

L'ultimo capitolo nella lunga storia della Alfa Romeo 4x4 è quello scritto dalla Giulia Veloce che abbina al motore 2.2 Turbo Diesel da 210 CV un sistema di trazione integrale Q4 pensato per offrire lo stesso piacere di guida di un'auto a trazione posteriore. A questa si aggiunge l'appena annunciata Stelvio Quadrifoglio, autentica "belva" nella categoria dei SUV medi che oltre ai 510 CV del suo 2.9 V6 biturbo mette in campo una versione ancora più evoluta del sistema Q4; parliamo di un dispositivo di trazione integrale che gestisce la motricità in tempo reale con una scatola di rinvio attiva e un differenziale anteriore, ma anche la tecnologia Alfa Torque Vectoring che fa affidamento su due frizioni contenute nel differenziale posteriore.

Galleria fotografica - Alfa Romeo Stelvio QuadrifoglioGalleria fotografica - Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio 032 - anteprima 1
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio 031 - anteprima 2
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio 019 - anteprima 3
  •  Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio - anteprima 4
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio 028 - anteprima 5
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio 027 - anteprima 6

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio | Salone di Los Angeles 2016

E' in assoluto la novità più attesa e discussa di Los Angeles. E tutti ne parlano bene, compresi i detrattori dei SUV ad al prestazioni. Insomma l'Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio riesce a mettere d'accordo buona parte degli addetti ai lavori. E voi che ne pensate? Guardatevi questo LIVE e fateci sapere.

Scheda Versione

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio
Nome
Stelvio Quadrifoglio
Anno
2017
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Curiosità , Alfa Romeo , auto italiane , auto storiche


Top