dalla Home

Test

pubblicato il 12 novembre 2016

Dossier #perchécomprarla

Hyundai Ioniq, perché comprarla… e perché no [VIDEO]

L'ibrida Hyundai è pratica, efficiente e può entrare nelle ZTL, peccato per il freno a mano a pedale

Galleria fotografica - Hyundai Ioniq HybridGalleria fotografica - Hyundai Ioniq Hybrid
  • Hyundai Ioniq Hybrid 034 - anteprima 1
  • Hyundai Ioniq Hybrid 033 - anteprima 2
  • Hyundai Ioniq Hybrid 030 - anteprima 3
  • Hyundai Ioniq Hybrid 035 - anteprima 4
  • Hyundai Ioniq Hybrid - anteprima 5
  • Hyundai Ioniq Hybrid - anteprima 6

Auto nate ibride: finora ce n'era solo una e, prima di avere la missione classica di vendere, aveva quella di essere ambasciatrice di un messaggio. Allora era profezia, oggi invece il verbo dell'ibrido è diventato consuetudine, ma la Hyundai ripercorre le orme di chi lo introdusse quasi 20 anni fa, proprio partendo da una vettura-manifesto, ma con tutte le doti di praticità, piacevolezza e – ovviamente – di efficienza che ci vogliono per essere, allo stesso tempo, emblema e auto da tutti i giorni acquistabile ad un prezzo ragionevole. Questo è quel che vuole essere la Hyundai Ioniq, la prima auto al mondo nata non solo ibrida, ma anche elettrica ed ibrida plug-in. Un'auto dunque che, guarda al futuro, ma anche al presente e punta molto sulla sua "normalità" per far colpo verso chi in passato aveva magari considerato un'auto ibrida, ma l'aveva scartata proprio perché gli appariva un salto in avanti troppo marcato.

Pregi e difetti

La Ioniq è quella che gli anglofili chiamano "fastback" e noi potremmo definire "due volumi e mezzo", ovvero con il portellone, ma con un accenno ci coda. Permette la sintesi perfetta tra dimensioni giuste (è lunga 4,47 metri), aerodinamica da primato (cx 0,24) e ampio spazio interno. Ci si entra ed esce facilmente, ci si sta comodi anche in 5 anche se chi è più alto di 1,80 metri tocca. Dietro sono presenti le bocchette per la climatizzazione ma manca una presa di ricarica. Disseminate in tutto l'abitacolo ci sono comunque due prese accendisigari, una USB dedicata all'infotainment e una a ricarica veloce posizionata nel bracciolo, nonché una superficie a induzione per la ricarica dello smartphone. Chi ha bambini, sappia che gli attacchi ISOFIX per il seggiolino si trovano solo dietro e sono annegati. Per i bagagli ci sono da 443 a 1.505 litri: niente male, ma il bordo è un po' alto, gli schienali non si possono sbloccare da dietro e non c'è un'apertura per gli sci e gli oggetti lunghi. Il vano è protetto da una cappelliera facile da gestire, ma non è realizzato con la stessa cura dedicata all'abitacolo. Qui la qualità c'è ed è quella "tedesca" alla quale i coreani ci hanno abituato: materiali di bell'aspetto e non si vede neppure una vite. L'ergonomia è davvero rigorosa e l'unica nota stonata è il freno a pedale sulla sinistra. La posizione di guida è riposante, solo un po' penalizzata dalla visibilità dietro - che migliora con la retrocamera di serie su tutte le versioni - e anche la parte telematica, con schermo da 8 pollici, offre una approccio facile ed intuitivo con servizi online e aggiornamento mappe gratuiti per tutta la vita della vettura.

Quale scegliere

La Ioniq parte da un equipaggiamento già completo nella versione Classic che parte da 24.900 euro, ma quella più equilibrata è sicuramente la Comfort che costa 1.600 euro in più. Per chi vuole la Ioniq al massimo della sua espressione tecnologica (sicurezza compresa), altri 2.500 euro e si prende la Style come quella in prova. La Ioniq ha 5 anni di garanzia, controlli gratuiti e assistenza stradale a chilometraggio illimitato, a patto però che la manutenzione ordinaria venga effettuata presso la rete Hyundai, mentre le batterie sono garantite per 8 anni o 200.000 km. Da considerare inoltre gli altri vantaggi economici legati a bollo, assicurazione, ZTL e parcheggi. Ottimi i consumi in città (circa 20 km/litro) e anche quelli medi (17-18 km/litro) con una guida rilassante, ma anche pronta e che, grazie al cambio a doppia frizione "vero", può diventare persino sportiveggiante, ma sempre all'insegna del comfort.

Scheda Versione

Hyundai Ioniq Hybrid
Nome
Ioniq Hybrid
Anno
2016
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
ibrida
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Hyundai , auto coreane , auto ibride


Listino Hyundai Ioniq

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 Hybrid 6DCT Classic anteriore elettrico 141 1.6 5 € 24.900

LISTINO

1.6 Hybrid 6DCT Comfort anteriore elettrico 141 1.6 5 € 26.500

LISTINO

1.6 Hybrid 6DCT Style anteriore elettrico 141 1.6 5 € 29.000

LISTINO

 

Top