dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 11 novembre 2016

Traffico, ecco gli orari migliori per "scappare" dalla città

Nella nostra micro-guida vi suggeriamo qualche dritta per far partire al meglio il week end

Traffico, ecco gli orari migliori per "scappare" dalla città

In sogno, l'inizio del viaggio è così: senza traffico, partite dalla città per imboccare autostrade ed extraurbane, verso la località prescelta, con l'obiettivo di trascorrere un bel weekend o una vacanza più lunga. Guidate in scioltezza, in relax, finalmente liberi dai pensieri che riguardano lavoro, famiglia, denaro. Forse, è così in qualche film. O in un Paese dove la mobilità urbana è studiata e migliorata di continuo dagli enti preposti. Ma, nel contesto italiano, il sogno si infrange spesso contro una realtà più amara. Pronti via, il rischio di imbattersi nel traffico cittadino, magari in una sorta di serpentone che si sta dirigendo verso mari e monti, è elevato. Caos che magari prosegue in autostrada o su una strada provinciale, regionale o statale. Altro che "staccare la spina" dal quotidiano: la "battaglia" verso la vacanza è ancora lunga da combattere nella metropoli, almeno finché il traffico non si dirada. Però, almeno per limitare il problema, si può prendere qualche accorgimento.

Tre suggerimenti

#1. App. A tutte app, per smarthone e tablet. Per capire come e quando è opportuno partire per un viaggio, basta "googlare" con la chiave "app traffico" e usciranno 600.000 risultati. Bastano un paio di "tocchi" sul dispositivo e avrete info su code, incidenti, rallentamenti. È possibile pianificare i propri viaggi sulle autostrade e sulle principali arterie stradali ad alta percorrenza. L'ideale è avviare notifiche push, impostate a seconda dei giorni e dell'orario di interesse, che vi avvisano se sul percorso sono presenti eventi di traffico, così da cambiare itinerario. Ovviamente, un "lavoro" analogo lo svolge il navigatore.

#2. Info pratiche. Chiedete ad amici e colleghi che viaggiano spesso quale possa essere il momento migliore per uscire dalla città e imboccare un'autostrada o un'extraurbana, con l'obiettivo di dirigersi verso una certa località. Magari loro sono a conoscenza di qualche percorso alternativo. O sanno se è meglio partire di venerdì pomeriggio percorrendo una certa strada in città, o un sabato mattina prestissimo scegliendo un'altra via. Se invece optate per la sera tardi o per la notte, è fondamentale essere in forma, e comunque fermarsi non appena la stanchezza si fa sentire troppo.

#3. Fuori città. L'app VAI di Anas fornisce informazioni certificate sul traffico in tempo reale. Visualizza sulla mappa rallentamenti, code e limitazioni alla circolazione su tutta la rete viaria di competenza Anas e in gestione alle società concessionarie. C'è un servizio di geo referenziazione che posiziona la mappa centralmente rispetto alla posizione dell'utente stesso. Il servizio velocità (icona semaforo) disponibile sia nell'elenco stradale, sia nelle informazioni presenti sulla mappa, fornisce una tabella delle velocità medie sostenute nel tratto di strada selezionato.

Radio… preziosa

Fra i tanti modi per informarsi sul traffico, c'è la radio. In particolare, Radio Rai: attraverso i bollettini di "Onda verde" trasmessi quotidianamente dalle reti RAI 1, 2 e 3 in 45 notiziari a partire dalle 05.27 e da Isoradio in 19 notiziari nell'arco della giornata. C'è poi RTL 102,5 Viaradio: un servizio di informazioni sulla viabilità autostradale, in tutta Italia su un'unica frequenza: FM 102.5 (o vicine). Preferite la tv? Ecco i canali RAI Televideo, alla pagina 641 (viabilità ordinaria), alla pagina 646 (autostrade Anas), da pagina 647 a pagina 649 (autostrade a pedaggio).

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top