dalla Home

Test

pubblicato il 10 novembre 2016

Dacia Duster: nuovo motore, stessa filosofia

Il nuovo Euro 6 1.600 aspirato non cambia il carattere tranquillo del SUV compatto

Dacia Duster: nuovo motore, stessa filosofia
Galleria fotografica - Dacia Duster restylingGalleria fotografica - Dacia Duster restyling
  • Dacia Duster restyling - anteprima 1
  • Dacia Duster restyling - anteprima 2
  • Dacia Duster restyling - anteprima 3
  • Dacia Duster restyling 025 - anteprima 4
  • Dacia Duster restyling 021 - anteprima 5
  • Dacia Duster restyling - anteprima 6

Dacia cresce, ormai da anni, e non vuole smettere di farlo. A ottobre di quest'anno ha fatto registrare un impressionante +15% rispetto allo stesso mese di un anno fa, ma guai ad accontentarsi. E infatti in Dacia non si accontentano: ecco perché su Duster, Dokker e Lodgy debutta il motore 1.6 Euro 6 alimentato a GPL. 115 CV per la prima, 100 per le altre due. Si tratta di un propulsore diverso rispetto all'1.6 Euro 5 di prima: completamente realizzato in alluminio, è dotato anche di stop&start.

Com'è fatta

La prima domanda che bisognerebbe porsi, quando si valuta l'acquisto di un'auto, è relativa ai chilometri che si percorrono ogni anno. Da questo numero, infatti, dipende una scelta molto importante, cioè quella legata all'alimentazione. Bene, nel caso della Duster a GPL, già con 10.000 km all'anno si recupera la maggior spesa iniziale: una quota molto bassa, in virtù dei soli 500 euro in più della Duster a gas (disponibile solo con trazione anteriore) rispetto a quella con motore a sola benzina: 12.700 euro contro 12.200 per la versione Ambiance. Per il resto, la Duster a doppia alimentazione si distingue da quella "normale" solo per il classico indicatore del livello del serbatoio del GPL posizionato accanto alla leva del cambio. Si ritrova dunque tutto il buono e il meno buono che già si conosce: la posizione di guida è un tuffo negli anni Novanta, con la seduta alta (e non perché l'auto ha un assetto rialzato, ma proprio il sedile all'interno dell'abitacolo è montato in alto e non si può regolare in altezza) e il volante che non solo non si regola in profondità, ma è anche inclinato in avanti. Quanto ai materiali, vince la concretezza: ciò significa che di plastiche morbide non c'è traccia, ma non potrebbe che essere così, dati i prezzi. Più che buona, in rapporto agli ingombri esterni, l'abitabilità, mentre se avete due bambini il bagagliaio potrebbe porvi qualche limite, soprattutto se i figli sono piccoli: caricando il passeggino, di spazio per borse e valigie non ne rimane moltissimo.

Come va

Trovare un'auto più confortevole della Duster sul pavé e sui binari del tram di una città come Milano è davvero difficile. Un po' le gomme a spalla alta (215/65 - 16), un po' l'assetto morbidissimo, fanno del SUV rumeno un vero antistress cittadino. A questo "mood" contribuisce il motore vecchia maniera, ovvero molto tranquillo e, da buon aspirato, con un'erogazione molto spalmata lungo tutta la scala del contagiri. Un quattro cilindri che non invita a spingere, ma che è fluido nelle risposte. Ecco, se ogni tanto amate guidare un po' più forte, la Duster (in generale, ma questa a GPL in particolare, visto che è più pesante di circa 70 kg) non è l'auto adatta, perché il già citato assetto non va d'accordissimo con le curve prese troppo in allegria e il motore non supporta i vostri istinti. Quanto all'autostrada, se le sospensioni confermano la propria capacità di smorzare qualsiasi cosa passi sotto le ruote, è il comfort acustico ad essere limitato: la voce del motore entra distintamente nell'abitacolo e, al di sopra dei 110 km/h, sono i fruscii aerodinamici a prendere il sopravvento.

Curiosità

C'è un po' di Italia, nella Duster a GPL: l'impianto del gas è infatti progettato dalla Landi Renzo. Siccome però la Duster a GPL - così come tutte le Dacia a GPL - vuole offrire lo stesso livello di affidabilità di tutte le altre auto della gamma, il montaggio dell'impianto stesso è effettuato direttamente in fabbrica (Romania o Marocco). Sempre in ottica affidabilità, tutti i punti "critici" del motore che il gas sottopone a maggior stress, come ad esempio le sedi valvole, sono opportunamente rinforzati.

Quanto costa

Poco, come filosofia Dacia insegna: si parte dai 12.700 euro della Ambiance, si sale a 12.900 per la Laureate, mentre le serie speciali Laureate Family e Black Shadow costano rispettivamente 14.300 e 15.100 euro. Il lancio in concessionaria della Duster (ma anche di Dokker e Lodgy) con il nuovo motore a GPL è in programma per i weekend del 19-20 novembre e 26-27 novembre.

Scheda

Versione provata: 1.6 GPL 115 cv S&S Black Shadow
Coppia: 156 Nm a 4.000 giri
Velocità massima: 167 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 12 secondi
Consumo medio l/100 km: 6,4/8,1 (GPL)
Emissioni di CO2 g/km: 145/130 (GPL)

Scheda Versione

Dacia Duster
Nome
Duster
Anno
2010 (restyling del 2013)
Tipo
Lowcost
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Dacia , nuovi motori , auto europee


Listino Dacia Duster

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 4x2 115cv S&S anteriore benzina 115 1.6 5 € 11.900

LISTINO

1.6 4x2 115cv S&S anteriore benzina 115 1.6 5 € 11.900

LISTINO

Duster 4X2 1.6 115cv S&S anteriore benzina 115 1.6 5 € 11.900

LISTINO

1.6 4x2 115cv S&S EU6 Ambiance anteriore benzina 115 1.6 5 € 12.200

LISTINO

1.6 4x2 115cv S&S EU6 Ambiance anteriore benzina 115 1.6 5 € 12.400

LISTINO

1.6 4x2 115cv S&S EU6 Ambiance Family anteriore benzina 115 1.6 5 € 12.400

LISTINO

1.6 4x2 115cv S&S Ambiance anteriore benzina 115 1.6 5 € 12.400

LISTINO

1.6 4x2 115cv S&S EU6 Ambiance Family anteriore benzina 115 1.6 5 € 12.600

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top