dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 novembre 2016

Android Auto diventa un'app per “tutti”

Google apre al sistema di infotelematica universale. È gratis: basta avere uno smartphone Android

Android Auto diventa un'app per “tutti”
Galleria fotografica - Android AutoGalleria fotografica - Android Auto
  • Android Auto 001 - anteprima 1
  • Android Auto 002 - anteprima 2
  • Android Auto 003 - anteprima 3
  • Android Auto 004 - anteprima 4
  • Android Auto 005 - anteprima 5
  • Android Auto 006 - anteprima 6

Android Auto ora funziona anche senza l’auto. E non è un gioco di parole. La notizia era nell’aria da qualche tempo (qui il nostro articolo) e sancisce l'ambizione di Google di democratizzare una volta per tutte il concetto di sistema infotelematica. Lo standard sviluppato originariamente per utilizzare durante la guida le principali funzioni degli smartphone Android integrando gli stessi nella cosiddetta head unit dell’automobile, si trasforma infatti in un’app stand alone che tutti potranno utilizzare su qualsiasi automobile. Fatto salvo il presupposto di dotarsi di un supporto adeguato per fissare lo smartphone sul proprio cruscotto.

“Vince" lo smartphone

La novità non è di poco conto perchè sancisce quella che è da tempo un dato di fatto: la superiorità del software degli smartphone rispetto a buona parte dei sistemi di infotelematica messi a punto dalle Case automobilistiche. D’altro canto grazie ai display sempre più grandi e alla velocità dei processori, sono in molti a preferire comunque lo smartphone come strumento di navigazione o di ricerca di informazioni pratiche (traffico, meteo, indirizzi) per non parlare delle app dedicate alla fruizione della musica (Spotify in primis). La mossa di Google non fa altro che tagliare un passaggio da molti considerato superfluo o comunque poco pratico (richiede un collegamento via cavo). Inoltre consente a chi non possiede un’auto di ultima generazione (parliamo di milioni di persone) di sfruttare il sistema Google.

Semplificato per ridurre le distrazioni

L’app Android Auto si scarica gratuitamente su Google Play e promette una logica di funzionamento simile allo standard integrato fino ad oggi per le auto. Il presupposto è sempre lo stesso: ridurre le distrazioni di chi guida incentivando l’uso di comandi vocali (ora implementati), proponendo un’interfaccia di utilizzo più semplice, con grafiche opportunamente “maggiorate” e razionalizzate in termini di funzionalità. L’elenco di app “convertite” in Android Auto è comunque lungo e comprende sia quelle essenziali (per iniziare) ma anche le più blasonate app di chat istantanea e anche app curiose come audiolibri per animare il proprio viaggio in auto.
Ci riserviamo di provarlo "su strada” quanto prima per darvi il nostro giudizio.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , android , app


Top