dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 7 novembre 2016

Dossier Concept Dimenticate

Mitsubishi SUP, la 4x4 cabrio con gli sportelli trasparenti

Tre motori di cui due elettrici, portiere ad armadio e interni sgargianti per la SUV-cabriolet che ha anticipato le tendenze del mercato

Mitsubishi SUP, la 4x4 cabrio con gli sportelli trasparenti
Galleria fotografica - Mitsubishi SUP ConceptGalleria fotografica - Mitsubishi SUP Concept
  • Concept We Forgot: 2001 Mitsubishi S.U.P. 001 - anteprima 1
  • Concept We Forgot: 2001 Mitsubishi S.U.P. 004 - anteprima 2
  • Concept We Forgot: 2001 Mitsubishi S.U.P. 013 - anteprima 3
  • Concept We Forgot: 2001 Mitsubishi S.U.P. 006 - anteprima 4
  • Concept We Forgot: 2001 Mitsubishi S.U.P. 007 - anteprima 5
  • Concept We Forgot: 2001 Mitsubishi S.U.P. 003 - anteprima 6

Fino a qualche tempo fa, l'idea di conciliare i fianchi alti e l'altezza da terra di una 4x4 con la linea sinuosa e sportiva di una cabrio sembrava una follia, un capriccio da designer. Poi è arrivata la Range Rover Evoque Convertible (che vi raccontiamo nel nostro #perchécomprarla), che con il suo stile ricercato e un animo "modaiolo", cerca di creare una nuova nicchia (nella quale, almeno per ora, è incontrastata). In realtà però la Evoque Convertible non è stata la prima SUV decappottabile. Nel 2010 era stato il turno della Nissan Murano CrossCabriolet, modello semisconosciuto rimasto "confinato" al mercato statunitense e destinato a non raccogliere mai il favore del pubblico. Volendo tornare ancora più indietro nel tempo, si scopre che nel 2001 Mitsubishi ci aveva già provato con la S.U.P. (Sport Utility Pack), un concept molto azzardato che, com'era prevedibile, non si è mai avvicinato alla produzione.

Portiere "ad armadio", in tutti i sensi

Carrozzeria bombata, simile a quella di una monovolume, e un tetto in tela retrattile di dimensioni molto generose: la linea di questa Mitsubishi S.U.P. non passa di certo inosservata. L'anteriore anticipa un po' lo stile di qualche altro modello della Casa giapponese, come ad esempio il pick-up L200 del 2006, ma è molto "futuristico", a cominciare dai fari che sono sostanzialmente due strisce di LED che si estendono fino ad incontrare la linea di cintura (molto alta). Stessa cosa avviene nel posteriore, dove i fanali sono pressoché indistinguibili tanto sono infossati dentro la profonda nervatura. Forse però la cosa che più incuriosisce di questa S.U.P. Sono le portiere: non solo si aprono "ad armadio", un po' come quelle delle Rolls-Royce, ma al loro interno hanno effettivamente dei compartimenti dove riporre i più svariati oggetti e hanno dei pannelli in plastica trasparente che lasciano intravedere il contenuto.

Non uno, non due ma ben tre motori

Un po' come tante auto ora in commercio, la Mitsubishi S.U.P. era alimentata da un sistema di propulsione ibrido. Questo, nello specifico, vedeva l'abbinamento di un motore a benzina da due litri (incaricato di muovere le ruote anteriori) con due unità elettriche, una per ogni ruota posteriore. Di fatto, la trazione era di tipo integrale. Il cambio montato sulla S.U.P. era un manuale. Comunque, nonostante fosse perfettamente marciante e anche molto avanzato dal punto di vista tecnologico, il SUV cabriolet non ha mai ricevuto il semaforo verde per una produzione di serie. Sarà stata mica colpa degli interni "tigrati"?

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Mitsubishi , auto giapponesi


Top