dalla Home

Mercato

pubblicato il 2 novembre 2016

Mercato auto, a ottobre vendite in aumento del 9,8%

Le ibride superano le auto a metano. Bene Alfa Romeo e Jeep, calano Dacia e Nissan

Mercato auto, a ottobre vendite in aumento del 9,8%

Le vendite di auto nuove continuano ad aumentare in maniera sensibile, ma chi conosce a fondo le dinamiche di mercato mette in guardia da un pericolo: il restringimento del “superammortamento” (una misura fiscale che incentiva l’acquisto di veicoli) alle sole auto strumentali - per esempio per noleggio, taxi, rappresentanti di commercio, etc. - porta a un fisiologico aumento della domanda nella parte finale dell’anno in corso per le auto aziendali non strumentali (oltre 150.000 macchine), con un prevedibile riflesso negativo sui primi mesi del 2017. Detto questo, è anche giusto tornare a guardare il bicchiere mezzo pieno: 1.850.000 immatricolazioni previste per i 12 mesi del 2016, 1.945.000 per il 2017. Numeri che la crisi sembrava aver spazzato via per sempre.

Calano gli acquisti delle famiglie, aumentano i noleggi

Lo diciamo da tempo, i numeri di mercato confermano il trend: sono sempre di più gli automobilisti che la macchina continuano a usarla, ma senza comprarla. Si spiegano (anche) così la flessione del 4% degli acquisti dei privati nel mese di ottobre e l’aumento del 44,6% dei noleggi; il tutto, mentre la quota dei primi scende dell’8,5% e quella dei secondi cresce del 17,7%. Rispetto a ottobre di 12 mesi far, tra i marchi le performance migliori le hanno fatte segnare Volkswagen (+ 18,73%), BMW (+19,6%), Hyundai (+20,37%), Jeep e Alfa Romeo (entrambe oltre il 31%), Skoda (+29,39%) e, su numeri più piccoli, ovvero meno di 1.000 auto al mese (quindi le variazioni percentuali tendono a essere più alte): Honda (+58,51%), Jaguar (+177,22%), Infiniti (+616%). Calano invece Citroen (-1,37%, ma l’arrivo della nuova C3 invertirà presto la tendenza), Nissan (- 5,92%, però la nuova Micra sta per essere lanciata…), Dacia (-15,45%) e DS (-37,32%).

Ibride meglio delle auto a metano

Per quello che riguarda le alimentazioni, grande recupero dei motori diesel, a +15,5% rispetto ad ottobre 2015 (58,8% del totale); le motorizzazioni a benzina salgono del 7,3% (31,2%), mentre calano GPL e metano, del 41,4% e del 6,2% rispettivamente. Ottima performance delle ibride, che arrivano al 2,3% del totale e superano quelle a metano: 3.393 unità a ottobre, contro 3.130; per capire lo stravolgimento del mercato, si pensi che 12 mesi fa erano 5.339 le auto a gas naturale vendute, 2.496 quelle con il motore elettrico a supporto di quello a combustione.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top