dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 12 dicembre 2007

Aston Martin V12 Vantage RS

Un prototipo dal fascino estremo made in UK

Aston Martin V12 Vantage RS
Galleria fotografica - Aston Martin V12 Vantage RSGalleria fotografica - Aston Martin V12 Vantage RS
  • Aston Martin V12 Vantage RS - anteprima 1
  • Aston Martin V12 Vantage RS - anteprima 2
  • Aston Martin V12 Vantage RS - anteprima 3
  • Aston Martin V12 Vantage RS - anteprima 4
  • Aston Martin V12 Vantage RS - anteprima 5
  • Aston Martin V12 Vantage RS - anteprima 6

Con l'inaugurazione del nuovo Design Centre di Gaydon, Aston Martin ha completato un complesso processo di riorganizzazione per fare fronte all'aumento della domanda mondiale delle sue vetture. Con gli impianti di produzione, il proprio reparto di assemblaggio motori, la disponibilità di una piattaforma per le sue auto estremamente flessibile e ora, con la propria divisione dedicata al design, incrementa il proprio potenziale produttivo. Per un costruttore indipendente di automobili in piccola serie, questo rappresenta una forza non da poco. Ma non solo.

Oltre a questa nuova strategia a livello corporate, il Marchio inglese ha voluto ancora una volta dimostrare la sua capacità di creare automobili straordinarie. Così, di fronte agli oltre settecento ospiti invitati al gala di presentazione della nuova struttura, Ulrich Bez, numero uno del brand inglese, ha elettrizzato ulteriormente l'atmosfera presentando una nuova concept dal sapore estremo che chiude un anno intenso, durante il quale sono state svelate molte novità: a partire dalla DBS per proseguire con la DB9 Le Mans e la V8 Vantage N400.

UNA SUPER-VANTAGE
La V12 Vantage RS è il frutto dell'organizzazione produttiva di Aston Martin, delle capacità e della bravura del team di ingegneri e designer, che hanno potuto sfruttare l'estrema flessibilità dell'archiettura VH della baby Aston, la V8 Vantage, per permettere al super-motore 12 cilindri a V di 6 litri di cilindrata, preparato in configurazione corsa, di entrare nel suo vano propulsore per creare un prototipo davvero unico

L'essenza della V12 Vantage RS sta nelle caratteristiche possenti della sua architettura meccanica: corpo vettura compatto, motore anteriore-centrale molto arretrato per migliorare il bilanciamento globale e coda compatta. L'unità di cui è equipaggiata ha beneficiato di un deciso "tuning" ufficiale: nuovi pistoni e bielle, nuovi alberi a camme, nuove teste cilindri e nuovo impianto di scarico. Scatena 600 CV a 6.250 giri e tanta coppia da friggere le gomme sull'asfalto con poche partenze: 690 Nm a 5.000 giri. Con un peso di 1.600 chili (corrispondenti a un valore di 375 CV/ton) questo bolide scatta da 0 a 100 km/h con partenza da fermo in meno di 4 secondi e da 0 a 160 km/h in 8,5.

EFFICIENZA e PERFORMANCE
Sono queste le caratteristiche che hanno guidato la progettazione della V12 Vantage RS. Consapevoli che la funzione sarebbe stata la prima ispirazione dello stile della vettura, il team dei designer, guidato da Marek Reichman, è riuscito a elaborare un design coerente ed estremamente efficace dal punto di vista stilistico, un battesimo del fuoco per il nuovo reparto appena inaugurato. Forma e funzione, insomma, hanno prodotto un risultato eccezionale. La V12 Vantage RS si riconosce immediatamente per il frontale modificato con un nuovo spoiler inferiore in fibra di carbonio (provvisto di canali di raffreddamento diretti ai freni, in carboceramica). Posteriormente, invece, è stato applicato uno spoiler retrattile che aumenta la stabilità alle alte velocità ma, ad andature "civili" non rovina la purezza del design integrandosi delicatamente nella coda.

La squadra dei progettisti, invece, ha massimizzato la razionalità per contenere il peso, prima variabile fondamentale per poter consentire alla V12 di esibire prestazioni mozzafiato ed esaltare le caratteristiche dell'aerodinamica, essenziale per un'auto in grado di sfondare il muro dei 300 orari.

RISPOSTE di MERCATO
Come ha sottolineato lo stesso Bez, negli ultimi cinque anni Aston Martin ha dimostrato di aver acquisito le competenze necessarie per costruire concept car flessibili e perfettamente funzionanti e, ovviamente, la V12 Vantage RS non fa eccezione. Per i vertici di Gaydon si tratterà, ora, di rimanere con l'orecchio "teso" per carpire l'interesse di clienti e appassionati verso questa vettura e, se ci sarà adeguato riscontro dal lato della domanda, verrà presa in seria considerazione la possibilità di produrla, naturalmente a un prezzo adeguato alla sua esclusività.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Aston Martin


Top