dalla Home

Test

pubblicato il 31 ottobre 2016

Kia Optima GT, la wagon coreana si fa sportiva

La versione vitaminizzata della Sportswagon trova il giusto equilibrio tra comfort e prestazioni

Kia Optima GT, la wagon coreana si fa sportiva
Galleria fotografica - Kia Optima GT SportswagonGalleria fotografica - Kia Optima GT Sportswagon
  • Kia Optima GT Sportswagon 001 - anteprima 1
  • Kia Optima GT Sportswagon 004 - anteprima 2
  • Kia Optima GT Sportswagon 017 - anteprima 3
  • Kia Optima GT Sportswagon 002 - anteprima 4
  • Kia Optima GT Sportswagon 015 - anteprima 5
  • Kia Optima GT Sportswagon 016 - anteprima 6

Non c'è scritto da nessuna parte che un padre di famiglia debba rinunciare al piacere della guida, o, meglio, al piacere della guida sportiva. Ed è qui che entra in gioco la Kia Optima GT Sportswagon: una station wagon capace di grande spazio, comfort, e prestazioni da hatchback sportiva. Ma andiamo per gradi. La Optima GT rappresenta la "terza sorella" della famiglia Optima, ovvero la nuova berlina (o station) di Kia del segmento D, che completa l'offerta insieme alla Optima Plug-in Hybrid e alla Optima Sportswagon. Un'auto importante per la Casa coreana, non tanto per i volumi di vendita, ma per l'immagine del Brand che forse, fino a pochi anni fa, non si sarebbe addentrata nel territorio delle auto sportive. Un ottimo segnale dunque, che lascia intendere che questo è solamente l'inizio.

Com'è

La Kia Optima GT mantiene le qualità di station wagon comoda e dinamica che abbiamo avuto modo di apprezzare sulla Sportswagon a gasolio, mostrando però qualche muscolo in più e una discreta cavalleria. Lunga quasi 4,9 metri, larga 1,86 e con un bagagliaio da 552 litri, la GT ha spazio in abbondanza, grazie anche ad un passo di ben 2,8 metri che garantisce ampio respiro ai passeggeri posteriori. Puntando le pupille sulla carrozzeria, però, si notano dettagli racing come i cerchi da 19", le pinze dei freni rosse, i paraurti ridisegnati e le minigonne, oltre alle targhette "GT". Un look sportivo, dunque, ma anche bilanciato: perfetto per chi vuole grinta ma senza dare troppo nell'occhio. Quello che mi interessa di più, però, è quello che c'è sotto il cofano: la Kia Optima GT è equipaggiata con un motore benzina quattro cilindri turbo da 2.0 litri che eroga 245 CV e 350 Nm di coppia, abbinato ad un cambio automatico con convertitore di coppia a 6 rapporti.

Come va

Il motore quattro cilindri 2.0 T-GDI si risveglia assestandosi su un minimo rauco e cupo, un bel segnale. C'è tanta coppia fin dai bassi regimi e la risposta a ogni flessione del piede destro è soddisfacente. La potenza tuttavia viene erogata con dolcezza e in modo regolare per tutta la gamma di giri; la velocità cresce di pari passo con il ringhio del motore, ma non c'è mai aggressività. Mi sposto fuori dall'ambiente urbano in cerca di qualche curva, giusto per capire quali siano le intenzioni della GT. La station coreana si muove bene, più rapida e composta della sorella a gasolio, ma sempre neutra e piantata in percorrenza di curva. Il volante sportivo ha un dimetro "giusto" e rivela uno sterzo preciso e lineare, anche se l'avrei preferito un po' più pesante e "sincero" nel raccontarvi quello che succede alle ruote anteriori. Un'anima da GT, quindi, non da sportiva pura. E questo lo si percepisce anche dal set up degli ammortizzatori: le sospensioni a controllo elettronico, infatti, nonostante i cerchi da 19", nascondono egregiamente dossi e asperità, trovando un giusto compromesso tra reattività e comfort. Il cambio automatico a sei rapporti invece risente un po' di qualche slittamento tipico del convertitore di coppia (la GT non monta il doppia frizione a 7 rapporti della Sportswagon), ma in compenso è piuttosto pronto e rapido ad ogni chiamata dei paddle. Un'auto bilanciata, la Optima GT, in ogni suo aspetto: ha un motore pieno e dal sound rabbioso, tanto spazio e un equipaggiamento da prima della classe.

Curiosità

La Casa coreana ha intenzioni serie per quanto riguarda le auto sportive; nella progettazione delle future Kia performanti infatti è stato "arruolato" nientemeno che Albert Biermann, ex ingegnere capo della divisione M di BMW.

Quanto costa

La Kia Optima GT costa 45.000 euro, circa quanto una Golf R Variant, ma la dotazione è davvero completa di ogni comfort e sistema di sicurezza desiderabile, stereo Harman Kardon incluso.

La scheda

Motorizzazione provata: Kia Optima Sportswagon GT
Quando arriva: già in vendita
Quanto costa: 45.000 euro
Quanti CV ha: 245 CV a 6.000 giri
0-100 km/h: 7,6 secondi
Quanto consuma (ciclo combinato): 8,2 l/100 km
Quanta CO2 emette: 191 g/CO2
Garanzia: 7 anni/150.000 km

Autore: Francesco Neri

Tag: Test , Kia , auto coreane


Top