dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 28 ottobre 2016

Maserati GranTurismo, la nuova si ispira all'Alfieri

La coupé modenese si aggiorna nel 2018. Noi la ricostruiamo così

Maserati GranTurismo, la nuova si ispira all'Alfieri
Galleria fotografica - Maserati GranTurismo, il renderingGalleria fotografica - Maserati GranTurismo, il rendering
  • Maserati GranTurismo, il rendering 003 - anteprima 1
  • Maserati GranTurismo, il rendering 004 - anteprima 2
  • Maserati GranTurismo, il rendering 002 - anteprima 3
  • Maserati GranTurismo, il rendering 001 - anteprima 4
  • Maserati GranTurismo, il rendering 005 - anteprima 5
  • Maserati GranTurismo, il rendering 006 - anteprima 6

Il ritardo subito dal progetto Alfieri costringe Maserati a rivedere le strategie in fatto di nuovi modelli, dando priorità a quelli che sarebbero dovuti arrivare in seguito. A beneficiarne sarà pertanto la coupé GranTurismo, attesa al salto di generazione, che verrà anticipata rispetto a quanto stabilito nell'ultimo piano industriale e sarà in vendita prima della Alfieri: il suo debutto è previsto nel 2018, mentre la coupé a due posti verrà lanciata almeno due anni più tardi. Questo cambio di programma ha messo in moto la fantasia degli appassionati. La GranTurismo conserva infatti una lunga schiera di sostenitori, a dispetto dell'anzianità (risale al 2007), quindi Maserati ha il compito di non deluderli e realizzare un'automobile che esprima lo stesso fascino di quella oggi in vendita, tutt'oggi considerata fra le granturismo più riuscite.

Linee eleganti, ma è chiara la vocazione da sportiva

Noi abbiamo raccolto le indiscrezioni trapelate e messo insieme i pezzi del mosaico. Il rendering anticipa pertanto in maniera accurata lo stile della GranTurismo 2018, che avrà un frontale ispirato proprio alla Alfieri: il prototipo del 2014 ha dettato le più recenti tendenze in materia di linee esterne, riprese anche sulla Levante, portando all'esordio una griglia anteriore molto scavata e luci anteriori di aspetto rastremato. Il cofano mette in evidenza gli archi passaruota e regala all'auto maggior dinamismo: non vedremo più il cofano piatto e levigato della GranTurismo odierna, ma un coperchio tridimensionale e più ricurvo ai lati. Questi dettagli non influiscono però sulla percezione di fascino e eleganza, tipica dell'auto, che saprà ben dissimulare la lunghezza esterna: da un paraurti all'altro si conteranno circa 4,90 metri.

Più tecnologia all'interno

Dove la Maserati GranTurismo cambierà radicalmente è nell'abitacolo, che sulla generazione odierna accusa il peso dell'età: tessuti e rivestimenti verranno solo aggiornati, mentre il sistema multimediale e la distribuzione dei comandi seguiranno quanto visto recentemente sulle Ghibli e Quattroporte, dotate di uno schermo ampio 8,4 pollici e private di molti comandi fisici. Le indiscrezioni devono ancora far luce sul motore. E' possibile comunque immaginare la presenza del V8 biturbo, da 3.8 litri, che rappresenta il fiore all'occhietto dell'attuale produzione: è prodotto da Ferrari, viene montato sulla Quattroporte GTS e sviluppa in questa versione 510 CV, 50 in più della GranTurismo più potente oggi a listino. A listino si troveranno comunque versioni meno prestazioni o più vistose, come la sportivissima MC Stradale.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Maserati , rendering


Top