dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 25 ottobre 2016

Mercedes Classe X Concept, il pick-up diventa premium

La base è quella del Nissan Navara, allestimenti e finiture da Mercedes "vera"

Mercedes Classe X Concept, il pick-up diventa premium
Galleria fotografica - Mercedes Classe X ConceptGalleria fotografica - Mercedes Classe X Concept
  • Mercedes Classe X Concept - anteprima 1
  • Mercedes Classe X Concept - anteprima 2
  • Mercedes Classe X Concept - anteprima 3
  • Mercedes Classe X Concept - anteprima 4
  • Mercedes Classe X Concept - anteprima 5
  • Mercedes Classe X Concept - anteprima 6

Il pick-up diventa premium e lifestyle; da mezzo per il lavoro, si trasforma in un veicolo adatto (anche) alla città e alla famiglia. Questo, almeno, è ciò che dichiara Mercedes-Benz per accompagnare il lancio del Concept X-Class (da noi diventerà Classe X), che poi è poco concept e tanto vicino a quello che sarà il veicolo definitivo. La realtà, proclami a parte, è che i pick-up sono già stati “sdoganati” parecchi anni fa, come mezzi per la città e per la famiglia, almeno negli USA (dove sono molto diffusi anche i pick-up più grandi di questo), in Australia e in altre zone del mondo in cui i centri urbani non li hanno progettati gli antichi Romani e, quindi, le strade sono sufficientemente grandi per accoglierli senza problemi. La sfida di Mercedes è dunque questa: conquistare clienti nel Vecchio Continente, detto che comunque tra i mercati principali del Classe X ci sono anche l’America Latina, il Sudafrica e l’Australia sono.

Perché un pick-up?

La domanda sorge spontanea: perché un marchio come Mercedes si avventura in questo segmento? La risposta è semplice: primo perché a Stoccarda non hanno mai temuto di sporcarsi la… Stella con veicoli da lavoro e la divisione Trucks è una vera e propria colonna del marchio. Secondo perché i top manager tedeschi vedono nel midsize pick-up grandi prospettive di crescita, citando addirittura il caso dei SUV: “Sia i clienti privati che quelli aziendali richiedono sempre più spesso veicoli con equipaggiamenti comfort da auto. Uno sviluppo analogo a quello che circa vent’anni fa interessò i fuoristrada; primo fra i Costruttori di fascia alta, con la Classe M (ora GLE) Mercedes introdusse sul mercato uno Sport Utility Vehicle (SUV) che ridefinì completamente il segmento degli Offroad, assicurando un successo duraturo”.

Una base solida

Altra sfida che dovrà vincere Mercedes è quella di far passare il concetto di premium: un po’ perché il pick-up in quanto tale ne è l’antitesi, un po’ perché la base è quella del Nissan Navara, quindi telaio e longheroni e traverse e asse posteriore a cinque bracci. Un veicolo che non si discute, sia chiaro, né dal punto di vista della qualità, né da quello della robustezza, ma che più che all’happy hour si è sempre dedicato al trasporto pesante, sulle mulattiere e nei cantieri. Tecnicamente un veicolo come il Concept X-Class si definisce midsize pick-up: portata di una tonnellata, 3,5 t di capacità di traino e un massimo di cinque posti nell’abitacolo. Per quello che riguarda la trazione, che ovviamente è integrale, adotta un ripartitore di coppia a controllo elettronico con marce ridotte e due bloccaggi del differenziale. In caso di fuoristrada estremo il guidatore può bloccare il differenziale posteriore e quello centrale. Il motore? Per il momento si sa solo che il top di gamma sarà un V6 turbodiesel. Da “vera” Mercedes la sicurezza, grazie a numerosi ausilii basati su telecamere, sensori radar e ad ultrasuoni.

Powerful Adventurer o Stylish Explorer, ma sempre X-Class

L’X-Class è uno, ma le versioni sono due: Powerful Adventurer (nelle foto è quello giallo) e Stylish Explorer (bianco). Come suggeriscono i nomi, il primo è più “selvaggio”, il secondo più “civile”. Proprio quest’ultimo dovrebbe essere la scelta ovvia di chi già possiede una Mercedes ma viene improvvisamente assalito dalla voglia di qualcosa di più esotico: di bianco verniciato e con un frontale che ricorda i SUV della Casa, si impone all’attenzione grazie al rigonfiamento sul cofano motore e ai fari incavati nei passaruota, a loro volta molto pronunciati. Non è tutto, perché la mascherina a lamella singola è presa pari pari dalle coupé Mercedes, a conferma che le contaminazioni e la voglia di affermare la personalità del marchio è l’elemento più importante. Completano il quadro, almeno sul concept, i cerchi da ben 22” e i predellini di accesso a bordo integrati nella carrozzeria. Già, visto che ci siamo, saliamoci sull’X-Class: l’accostamento del marrone dei sedili - in pelle Nabuk - con il bianco della plancia - in pelle Nappa - è la prima cosa che si nota, ma non si possono non notare anche le plastiche di rivestimento, morbide (per il segmento di appartenenza), l’inserto trasversale in quercia affumicata e gli elementi decorativi in alluminio spazzolato o lucidato. Per il resto, l’infotainment (dotato di modulo di comunicazione con SIM card) non ha nulla da invidiare a quello delle ultime Mercedes e si comanda dallo schermo touch, ma anche dal gruppo di comandi centrale con controller e dal touchpad multifunzione. Più rude, il Powerful Adventurer si caratterizza per le protezioni anti-incastro anteriore e posteriore, i passaruota non verniciati in carbonio opaco, per il verricello elettrico sul frontale e il gancio metallico dietro.

 

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Mercedes-Benz , auto europee


Top