dalla Home

Eventi

pubblicato il 21 ottobre 2016

Dossier Auto Moto d'Epoca 2016

Auto e Moto d'Epoca, l'Audi dal valore inestimabile

Lo stand dei Quattro Anelli è ricco, ma la regina incontrastata è un'Auto Union Type D del '38

Galleria fotografica - Audi a Auto e Moto d'Epoca 2016Galleria fotografica - Audi a Auto e Moto d'Epoca 2016
  • Audi a Auto e Moto d\'Epoca 2016 001 - anteprima 1
  • Audi a Auto e Moto d\'Epoca 2016 002 - anteprima 2
  • Audi a Auto e Moto d\'Epoca 2016 003 - anteprima 3
  • Audi a Auto e Moto d\'Epoca 2016 004 - anteprima 4
  • Audi a Auto e Moto d\'Epoca 2016 005 - anteprima 5
  • Audi a Auto e Moto d\'Epoca 2016 006 - anteprima 6

Per questa edizione 2016 della kermesse padovana di Auto e Moto d'Epoca, Audi ha scelto di portare il meglio delle sue vetture sportive. Chi visita lo stand ha la possibilità di mettere gli occhi su modelli che hanno fatto la storia del motorsport dei Quattro Anelli, a cominciare dalla ormai leggendaria Audi Quattro. Ci sono anche un'Audi 90, una estrema R8 LMS e, in anteprima nazionale, la nuova R8 Spyder con motore V10. La stessa sulla quale, qualche giorno fa, Adriano ha fatto un bel giretto, facendo scatenare tutti i 540 CV del suo 5.2 litri aspirato. A rubare la scena alla R8 Spyder c'è però un'altra auto, un esemplare unico e dalla storia incredibile.

Correva l'anno 1938 e Auto Union aveva realizzato un nuovo bolide in grado di prendere parte alle competizioni che, proprio in quell'anno, avevano cambiato il regolamento e obbligavano i Costruttori a montare motori di 3 litri. La Type D, questo il nome, aveva un dodici cilindri a V in grado di erogare 420 CV e poteva raggiungere una velocità massima di 330 Km/h. La sua storia è legata in parte anche all'Italia, perché Tazio Nuvolari, corteggiato a lungo da Auto Union, ha accettato di pilotare la Type D con la quale ha vinto il Gran Premio d'Italia a Monza e anche in Inghilterra, prima che la Seconda Guerra Mondiale scoppiasse. Al quel tempo, secondo gli annali, esistevano solamente cinque o sei Type D, che però sono scomparse, probabilmente portate via dai Russi durante la loro ritirata. L'esemplare esposto ad Auto e Moto d'Epoca è l'unico rimasto, restaurato da Audi dopo il suo ritrovamento in un pagliaio polacco. Data la sua storia e la sua unicità, è facile pensare che, qualora venisse mai messa in vendita, la Auto Union Type D potrebbe raggiungere quotazioni di decine e decine di milioni di euro.

Autore: Redazione

Tag: Eventi , Audi , auto europee , auto storiche


Top