dalla Home

Eventi

pubblicato il 20 ottobre 2016

Dossier Auto Moto d'Epoca 2016

Auto e Moto d’Epoca, Land Rover Discovery ieri e oggi

Alla fiera di Padova arriva il nuovo SUV inglese con tutta la sua storia al seguito

Galleria fotografica - Land Rover a Auto e Moto d'Epoca 2016Galleria fotografica - Land Rover a Auto e Moto d'Epoca 2016
  • Land Rover a Auto e Moto d\'Epoca 2016 003 - anteprima 1
  • Land Rover a Auto e Moto d\'Epoca 2016 012 - anteprima 2
  • Land Rover a Auto e Moto d\'Epoca 2016 017 - anteprima 3
  • Land Rover a Auto e Moto d\'Epoca 2016 023 - anteprima 4
  • Land Rover a Auto e Moto d\'Epoca 2016 006 - anteprima 5
  • Land Rover a Auto e Moto d\'Epoca 2016 001 - anteprima 6

Se è vero com’è vero che Auto e Moto d’Epoca riesce a coniugare il passato automobilistico con le ultime novità, ecco a voi la nuova nuova Discovery. Stiamo parlando della quinta generazione della “via di mezzo” firmata Land Rover. Un ibrido, non in termini di alimentazione sia chiaro, tra le più dure e pure Defender e le extra lusso Range Rover. Eccolo per la prima volta in Italia dopo il debutto a Parigi con la sua stazza non indifferente. La nuova Discovery è lunga quasi cinque metri ma vanta un peso forma rispetto al passato grazie all’ingente utilizzo di alluminio. L’ultima arrivata della casa inglese non cessa di stupire con i suoi 7 posti che si possono controllare anche grazie all’app, o con la seconda generazione del Terrain response 2 che promette bene a chi non vede l’ora di infangarla. Ovviamente non manca la tecnologia a bordo e tanta, tanta connettività. Pensate che possono esserci fino a otto connessioni contemporaneamente.

Per il marchio Land Rover non finisce qui. Per dare ancor più risalto al modello appena presentato, alla fiera è possibile ammirare tutta la storia di quest’auto dalle capacità più che trasversali. Prima, seconda, terza e quarta generazione una dopo l’altra, per tutti gli amanti del genere. Partiamo dal principio, ossia il 1989 in cui i cavalli a disposizione della Discovery erano solo 113, ma la livrea d’eccezione ricorda il leggendario Camel Trophy. Il prossimo passo nel passato è datato 1998 in cui si mantiene forte l’identità dell’auto che si presenta sempre con una finestratura molto alta, ma forse pecca leggermente di sobrietà rispetto agli altri modelli più appariscenti. Nel 2004 arriviamo alla terza generazione in cui il livello di comfort è altissimo, ma non per questo è sacrificata l’attitudine fuoristradistica che anzi ne giova grazie all’inserimento del primo Terrain response. Trascorrono cinque anni e si arriva alla penultima tappa, in cui appaiono i fari a led e il selettore del Terrain response cambia forma e diventa circolare.

Autore: Lorenzo Catini

Tag: Eventi , Land Rover , auto inglesi , auto storiche


Top