dalla Home

Attualità

pubblicato il 20 ottobre 2016

Tesla, da oggi tutte con la guida autonoma

Musk rilancia e rottama l'Autopilot con una valanga di nuovi sensori e telecamere

Tesla, da oggi tutte con la guida autonoma
Galleria fotografica - Tesla Model S restylingGalleria fotografica - Tesla Model S restyling
  • Tesla Model S restyling - anteprima 1
  • Tesla Model S restyling - anteprima 2
  • Tesla Model S restyling - anteprima 3
  • Tesla Model S restyling - anteprima 4
  • Tesla Model S restyling - anteprima 5
  • Tesla Model S restyling - anteprima 6

L'atteso annuncio di Elon Musk non ha riguardato un nuovo modello di auto elettrica, ma l'arrivo su tutte le Tesla di un nuovo sistema di guida completamente autonoma denominato "Hardware Two", ben più evoluto del precedente Autopilot. Esattamente a partire da oggi tutta la produzione di vetture elettriche marchiate Tesla, dalla Model S alla Model X per arrivare alla prossima Model 3 è dotata dei sensori e dei dispositivi necessari alla guida totalmente robotizzata, comprese otto telecamere al posto di quella singola precedente e dodici sensori a ultrasuoni con portata raddoppiata. Insomma, la Casa californiana abbandona la controversa guida semi autonoma Autopilot per abbracciare la vera guida autonoma al suo "livello più alto", come lo definisce lo stesso Musk.

Prima l'hardware, poi il software che impara a guidare

L'adozione dell'Hardware Two su tutte le Tesla significa che l'Autopilot non sarà più sviluppato e aggiornato sulle auto già in circolazione, ma verrà sostituito dalla guida autonoma vera e propria. Lo schema di sviluppo prevede che le auto abbiano già installato tutto il necessario per guidare da sole, ma che tutta la tecnologia software venga gradualmente implementata con upgrade "over-the-air" ogni due o tre mesi a partire dalla fine del 2016. Questo significa che per molti mesi il sistema di guida autonoma resterà inattivo e invisibile in "shadow mode" per imparare dalle vere situazioni di guida affrontate dal pilota umano. Il nuovo sistema include anche un radar anteriore che vede attraverso pioggia, nebbia, polvere e anche il veicolo che precede, il tutto gestito da un computer con capacità di calcolo quaranta volte superiore ai sistemi precedenti.

"Fermare la guida autonoma significa uccidere la gente"

L'ad del marchio americano ha detto che il costo aggiuntivo del nuovo hardware è pari a 8.000 dollari contro i 3.000 dell'Autopilot e che la scelta di abbandonare il vecchio nome deriva in parte dalle polemiche nate dopo l'incidente mortale negli USA che ha coinvolto una Model S. Al riguardo Elon Musk non è stato certo tenero con la stampa, sostenendo che tutte queste notizie hanno impedito un ampio consenso da parte del pubblico e quindi fermato lo sviluppo della guida autonoma. Come riporta anche Automotive News Musk ha detto: "Articoli così negativi allontanano la gente dall'utilizzo della guida autonoma e questo non fa altro che uccidere le persone."

Galleria fotografica - Tesla Model 3 prototipoGalleria fotografica - Tesla Model 3 prototipo
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 1
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 2
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 3
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 4
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 5
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 6
Galleria fotografica - Tesla Model X Galleria fotografica - Tesla Model X
  • Tesla Model X  - anteprima 1
  • Tesla Model X  - anteprima 2
  • Tesla Model X  - anteprima 3
  • Tesla Model X  - anteprima 4
  • Tesla Model X  - anteprima 5
  • Tesla Model X  - anteprima 6

Autore:

Tag: Attualità , Tesla Motors , auto americane , auto elettrica , guida autonoma


Top