dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 14 ottobre 2016

Lexus CT200h, ibrida per vocazione

La nuova media giapponese, attesa nel 2017, sarà più accattivante e spaziosa all'interno

Lexus CT200h, ibrida per vocazione
Galleria fotografica - Nuova Lexus CT, il renderingGalleria fotografica - Nuova Lexus CT, il rendering
  • Nuova Lexus CT, il rendering 005 - anteprima 1
  • Nuova Lexus CT, il rendering 001 - anteprima 2
  • Nuova Lexus CT, il rendering 002 - anteprima 3
  • Nuova Lexus CT, il rendering 003 - anteprima 4
  • Nuova Lexus CT, il rendering 004 - anteprima 5
  • Nuova Lexus CT, il rendering 006 - anteprima 6

Nel 2010, quando venne lanciato il modello oggi in vendita, Lexus sottolineò con decisione il fatto che la CT200h fosse la prima auto solo ibrida fra le berline premium di lunghezza media. Quel primato resiste tutt'oggi, perché la cinque porte giapponese resta l'unica a puntare con decisione sul tandem fra benzina e elettrico: nella stessa categoria si trovano altri modelli ibridi, come ad esempio l'Audi A3 e-tron, ma tutti si possono ordinare con almeno una motorizzazione alternativa. Questa filosofia è diventata un caposaldo per Lexus. La nuova CT200h non farà eccezione e continuerà a essere disponibile soltanto con il gruppo ibrido, ripreso dalla Toyota Prius insieme alla base costruttiva TNGA.

Il frontale è da coupé

Il nuovo modello potrebbe esordire ad inizio 2017 e avrà una linea meno seriosa rispetto a quello odierno, che noi ricostruiamo così, sulla base delle indicazioni emerse finora. La nuova CT200h si rifà all'estetica della coupé RC: conserva la mascherina a clessidra, ma i fari anteriori diventano più rastremati e il paraurti viene scalfito da vistose aperture per il passaggio dell'aria, che regalano maggior tempra al frontale. Gli archi passaruota sono molto accentuati, le linee del cofano seguono gli spigoli della calandra e la linea dei vetri piega verso l'alto, dando origine così a un montante posteriore decisamente massiccio: lo stesso disegno si trova sulla CT200h oggi a listino. La berlina guadagna in sportività, ma non mancheranno allestimenti più sobri e eleganti.

La Prius come riferimento

Le informazioni emerse finora concordano sulla presenza del motore a benzina 1.8, da 98 CV, che lavorerà in simbiosi con un modulo ibrido da 72 CV. I consumi resteranno molto contenuti, al pari delle emissioni inquinanti, ma i più esigenti dovrebbero comunque avere la possibilità di ordinare una versione ibrida plug in, con batterie ricaricabili da una normale presa della corrente, che garantirà percorrenze superiori in modalità a zero emisdioni: la versione analoga della Prius è capace di viaggiare per un massimo di 50 chilometri senza l'intervento del motore a benzina. La Lexus CT200h sarà lunga qualche centimetro in più di quella odierna e potrebbe superare i 4,40 metri, a vantaggio della capacità interna e del bagagliaio, che sulla generazione corrente hanno ricevuto le critiche maggiori dai proprietari.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Lexus , auto giapponesi , auto ibride , rendering


Top