dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 ottobre 2016

BMW, una serie tv tutta italiana per i 100 anni

E' realizzata da Fox ed è ambientata nel 2116. Il primo episodio va in onda il 24 ottobre

BMW, una serie tv tutta italiana per i 100 anni
Galleria fotografica - Hundred To Go, la serie TV di BMWGalleria fotografica - Hundred To Go, la serie TV di BMW
  • Hundred To Go, la serie TV di BMW 005 - anteprima 1
  • Hundred To Go, la serie TV di BMW 008 - anteprima 2
  • Hundred To Go, la serie TV di BMW 006 - anteprima 3
  • Hundred To Go, la serie TV di BMW 007 - anteprima 4
  • Hundred To Go, la serie TV di BMW 004 - anteprima 5
  • Hundred To Go, la serie TV di BMW 002 - anteprima 6

La auto le vediamo negli spot e sempre più spesso anche nei film, ma mai era capitato di vederle protagoniste di una serie TV. Ci ha pensato BMW, che insieme a FOX Italia ha deciso di lanciare "Hundred To Go", produzione composta da cinque episodi di sette minuti ciascuno che andrà in onda dal 24 ottobre alle 20:55 su FOX, canale 11 di Sky, per poi essere disponibile nelle ore successive sul web. Abbiamo avuto modo di vedere i primi due episodi della serie in esclusiva e ve li raccontiamo.

Fantascienza all'italiana

Nata per celebrare i primi cento anni del marchio bavarese, Hundred To Go è ambientata nel futuro, nello specifico il 2116. Il protagonista di questo mondo del domani (ispirato a quello di The Island, film del 2005 diretto da Michael Bay) è X1, omonimo del SUV di segmento C, un uomo sulla trentina che vive insieme al suo clone X2 (esatto, proprio come il concept presentato al Salone di Parigi). I due condividono una casa "domotizzata", con un'intelligenza artificiale molto simile al J.A.R.V.I.S. visto nei film di Iron Man. La vita dei due gemelli, così come di tutti gli altri uomini, è incentrata sul lavoro, efficiente ai massimi livelli, a discapito delle relazioni interpersonali che, semplicemente, non esistono più. L'insofferenza di X1 per una quotidianità priva di emozioni farà sì (ancora non è chiaro come) che riesca a viaggiare indietro nel tempo fino al 2016 e ad incontrare Alice, una tatuatrice romana che gli cambierà la vita. Insomma, un viaggio che da un futuro d'efficienza ma asettico e privo di piacere (metafora della guida autonoma), porterà X1 a vivere sensazioni adrenaliniche.

Produzione dal respiro internazionale

Il team di autori, il cast (su tutti spicca Cesare Bocci, il Mimì Augello de Il Commissario Montalbano) e la regia sono tutti italiani, ma la lingua nella quale è stata sia scritta che girata la serie è l'inglese. I responsabili Fox non nascondono infatti che l'obiettivo sarebbe anche quello di riuscire a diffondere Hundred To Go nel mondo, a dimostrazione di quanto il nostro Paese sia in grado di realizzare prodotti televisivi di buon livello e respiro internazionale. E che in Fox ci credano molto lo dimostra anche il posizionamento della serie, che andrà in onda proprio prima di The Walking Dead, uno dei prodotti di punta del network. Anche perché, a differenza di quanto si potrebbe pensare, le auto non sono le vere e proprie star della serie, anzi ci ha sorpreso quanto in realtà si siano viste poco, perlomeno in questi due primi episodi. Più che un product placement (espressione tecnica che indica la presenza di un prodotto commerciale in una produzione video) si parla in questo caso di branded content, cioè una produzione sponsorizzata più per comunicare un'idea di marca più che aumentare le vendite.

Una "visione" chiara della mobilità del domani

Come già detto, Hundred To Go è l'ultimo tassello di una celebrazione lunga un anno che ha avuto come tematica portante il futuro della mobilità. Non a caso, accanto agli attori ci sono le auto, partendo dalla i8 e dalla i3 che rappresentano il presente, per arrivare alla Vision Next 100, l'auto guidata nel futuro dai protagonisti, che anticipa, per forme e contenuti, le vetture dell'Elica che vedremo negli anni a venire. "La filosofia del futuro BMW è chiara", spiega Sergio Solero, Amministratore Delegato per l'Italia. "I pilastri fondamentali saranno la guida autonoma, l'eco-compatibilità, la connettività e la mobilità alternativa, che si va già concretizzando con il servizio di car sharing BMW DriveNow che partirà a Milano la settimana prossima. Noi però abbiamo una missione, che è quella di garantire ai nostri clienti il piacere di guidare, e nonostante i cambiamenti che verranno dall'innovazione tecnologica e dalla mobilità intelligente, lavoreremo per garantire sempre le stesse emozioni a chi si mette al volante delle nostre auto".

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Bmw , auto europee , cinema


Top