dalla Home

Test

pubblicato il 12 ottobre 2016

Renault Megane Grand Coupé, non chiamatela berlina

La tre volumi dal look sportivo guadagna spazio e comfort

Renault Megane Grand Coupé, non chiamatela berlina
Galleria fotografica - Renault Megane SedanGalleria fotografica - Renault Megane Sedan
  • Renault Megane Sedan 040 - anteprima 1
  • Renault Megane Sedan 037 - anteprima 2
  • Renault Megane Sedan 001 - anteprima 3
  • Renault Megane Sedan 032 - anteprima 4
  • Renault Megane Sedan 004 - anteprima 5
  • Renault Megane Sedan 030 - anteprima 6

Un 80% di Megane e un 20% di Talisman: ecco come appare a prima vista la Renault Megane Grand Coupé. Sottopelle è sempre lei, la nuova Megane, ma il vestito elegante la trasforma in una coupé, nonostante le quattro porte. La linea di cintura infatti è più bassa rispetto alla sorella hatchback e le spalle larghe e le scanalature della carrozzeria rendono il look della Grand Coupé più sportivo e, perché no, più esclusivo.

Com'é

Il frontale non lascia dubbi sul fatto che sia una Megane, ma dietro è comparsa una coda, integrata in modo riuscito e accentuata dallo spoiler pronunciato. Dettaglio interessante il tetto panoramico che congiunge la vetrata anteriore con quella posteriore, un tocco stilistico che conferisce all'auto una linea più slanciata. Tecnicamente la Grand Coupé è una berlina (ha tre volumi e quattro porte), ma porta con sé lo spirito della Megane Coach, una delle coupé più di successo (commerciale ma anche sportivo) della Casa francese. Non lasciatevi ingannare dalla silhouette: di spazio per i bagagli ce n'è parecchio. Con 550 litri di capienza, il bagagliaio della Grand Coupé guadagna 166 litri rispetto a quello della Megane a due volumi (e ne perde 30 nei confronti di quello della versione Sporter). Questo perché la Megane Grand Coupé monta lo stesso pianale della Sporter - dotata di un passo di 43 cm più lungo - il che si traduce in una migliore abitabilità. I passeggeri posteriori infatti guadagnano 27 mm per le gambe e i montanti posteriori sono molto arretrati per favorire la seduta anche ai più alti. Materiali scelti bene e illuminazione chic per gli interni, dove cambia poco o nulla rispetto alla berlina, se non che la visibilità posteriore perde qualche punto per via del lunotto mignon. Il che è un bene, perché la seduta è buona, il volante ha un diametro "giusto" ed è bello da impugnare, mentre la plancia è pulita e ordinata. L'ampio schermo verticale da 8,7 pollici, poi, le dona un'aria high tech, ma raccoglie fin troppe funzioni dell'auto e non è sempre intuitivo.

Come va

Al volante le sensazioni di guida non si discostano molto da quelle della sorella compatta: lo sterzo è leggero (anche se cambia peso a seconda del set up) e preciso quanto basta, mentre la posizione di guida giusta si trova facilmente. Una linea più sportiva in teoria prevede un assetto più incisivo, sulla Renault Megane Grand Coupé invece non è così: le sospensioni sono state rese più morbide (soprattutto dietro) e sulle asperità si nota, ma di contro la Megane "codata" non brilla nella guida sportiva. Abbiamo provato sia la versione 1.5 dCi da 110 CV e 250 Nm di coppia , sia la 1.6 dCi da 130 CV e 320 Nm, entrambe con il cambio manuale a sei marce. La prima motorizzazione è più che sufficiente per muovere la Megane con disinvoltura, con il vantaggio, poi, di consumare davvero poco. È pur vero che l'abbiamo guidata principalmente su tratti extraurbani pianeggianti, ma i 20 km/l sono davvero alla portata di mano. Più brillante il 1.6 dCi da 130 CV che, pur soffrendo di un po' di turbo lag, risulta molto più pieno ai medi regimi senza consumare molto di più (la Casa dichiara una media di 3,7 l/100 km per il 1.5 dCi 110 CV e 4,0 l/100 km per il 1.6 dCi 130 CV). Il cambio manuale a sei rapporti, infine, ha una leva dalla corsa un po' lunga ma offre degli innesti precisi e piacevoli e un pedale della frizione che non richiede alcuno sforzo. L'automatico a doppia frizione EDC mancava sulle vetture a nostra disposizione, ma avendolo provato sulla versione cinque porte possiamo affermare che la sua dolcezza si adatterebbe bene con il carattere da gran turismo della Grand Sport.

Curiosità

La Renault Megane Grand Coupé si chiama così solo in Italia, nel resto del mondo si chiama semplicemente Renault Sedan, ovvero "berlina". Questo perché gli italiani non amano le berline tre volumi (soprattutto nel segmento C), ma apprezzano di più le coupé a quattro porte che vanno tanto di moda di questi tempi (vedi BMW Serie 4 Gran Coupé, Mercedes CLA).

Quanto costa

La Renault Megane Grand Coupé non verrà commercializzata prima della primavera del 2017. I prezzi dunque non sono ancora stati resi noti, ma dovrebbe posizionarsi a metà tra la Megane a cinque porte e la Renault Talisman.

La scheda

Versione provata: 1.5 dCi 110 CV Intens (1.6 dCi Intens)
Prezzo: N.D.
Cilindrata: 1461 cc (1598 cc)
Potenza: 110 CV a 4.000 giri (130 CV a 4.000 giri)
0-100 km/h: 11,6 secondi (10,5 secondi)
Velocità massima: 190 km/h (201 km/h)
Consumo medio: 3,7 l/100 km (4,0 l/100 km)
Emissioni: 95 g/CO2 (103 g/CO2)

Autore: Francesco Neri

Tag: Test , Renault , auto europee


Top