dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 7 ottobre 2016

Toyota Supra, nuova vita per il mito Anni ‘90

Dopo una lunga attesa e tante discussioni, la sportiva tornerà nel 2018. Noi la ricostruiamo così

Toyota Supra, nuova vita per il mito Anni ‘90
Galleria fotografica - Nuova Toyota Supra, il renderingGalleria fotografica - Nuova Toyota Supra, il rendering
  • Nuova Toyota Supra, il rendering - anteprima 1
  • Nuova Toyota Supra, il rendering - anteprima 2
  • Nuova Toyota Supra, il rendering - anteprima 3
  • Nuova Toyota Supra, il rendering - anteprima 4
  • Nuova Toyota Supra, il rendering - anteprima 5
  • Nuova Toyota Supra, il rendering - anteprima 6

Il progetto della nuova Toyota Supra è uno di quelli che sembrano non volersi realizzare mai, stretti fra vincoli di natura economica e il naturale riguardo nei confronti della progenitrice, considerata dagli appassionati una fra le sportive simbolo degli anni '90. È normale quindi che la casa giapponese voglia muoversi con attenzione e riserbo. Lo è meno il fatto che siano trascorsi nove anni dal prototipo FT-HS, indicato ai tempi come un'anticipazione della vettura definitiva, che sappiamo arriverà nel 2018 e avrà una base meccanica in comune con BMW. Della Supra conosciamo al momento pochi altri dettagli, ma il suo aspetto lo ricostruiamo così: abbiamo interpretato quanto emerso finora e ripreso alcuni particolari della FT-1.

Fuori è tutta la FT-1, con qualche esagerazione in meno

La Supra avrà un frontale molto appuntito, due ampie prese d'aria sulle fiancate e il tetto ondulato. I fanali ricorderanno due unghiate, come già sul prototipo FT-1, da cui la Supra riprenderà anche i montanti neri e la vetratura avvolgente. Il modello definitivo perderà invece la V sul cofano anteriore, ma questa rinuncia non condiziona l'impressione generale di sportività: la coupé giapponese conserverà linee aggressive e d'impatto, meno tondeggianti rispetto alla scorsa generazione (in vendita fino al 2002) ma assai più cattive. Evidente è l'influsso della FT-1, lanciata nel 2014, che ha riportato noi appassionati a ridiscutere della Supra nonostante fossero trascorsi sette anni dal prototipo FT-HS. In questo periodo Toyota ha raggiunto un accordo con BMW e messo le basi per arrivare al punto in cui siamo oggi, quindi le perdoniamo i lunghi anni di silenzio e mancati aggiornamenti.

L'ibrido sarà del tipo a supercapacitore?

La collaborazione con BMW è di carattere tecnico e porterà alla nascita di una base costruttiva a trazione posteriore e motore anteriore longitudinale, che l'azienda bavarese riprenderà per l'erede della Z5. La Supra dovrebbe misurare circa 4,50 metri in lunghezza e avrà dimensioni analoghe alla Porsche 911, adotterà soluzioni tecniche per diminuire le masse e potrebbe montare l'alettone mobile visto sulla FT-1. Da qui le informazioni si fanno meno definite. La sportiva pare sia disponibile con un motore a benzina sei cilindri (di provenienza BMW) e con un sistema ibrido, più evoluto rispetto a quello montato sulla Prius, che dovrebbe utilizzare un supercapacitore e rivelarsi più leggero ed efficace. Le prestazioni, come anche per il benzina, saranno molto elevate: non a caso dovrà sfidare la Honda NSX, riedizione di un altro mito degli anni '90.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Toyota , auto giapponesi , rendering


Top