dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 7 ottobre 2016

Viaggiare in auto, ecco perché sì

Tre valide ragioni per fare i viaggi in macchina

Viaggiare in auto, ecco perché sì

Nessun paragone con altri vettori (aereo, treno o altro), nessun confronto per dimostrare che l’auto sia migliore: semplicemente, alcune ragioni per le quali, a nostro avviso, viaggiare in macchina è stupendo. Certo, oltre al veicolo, sarebbe poi necessario scegliere con cura i compagni di viaggio, prediligendo persone simpatiche, ma se già la base di partenza (il mezzo scelto per muoversi) è valido, tutto il resto magari può passare in secondo piano. Senza dimenticare una possibilità non remota, ossia il viaggio in auto da soli, chiacchierando tutt’al più tramite smartphone (con auricolare o vivavoce, per restare concentrati), oppure alzando il volume della radio a piacere.

Tris di motivi

1# Libertà. La libertà profuma: in auto, siete liberi di partire quando volete, fare pause quando volete e dove volete, scegliere un itinerario particolare. E ancora, potete fermarvi per bere e mangiare a piacimento, senza considerare i "pit stop toilette", a vostra discrezione. Il viaggio libero, senza impedimenti, rilassa, predispone alla vacanza. E se trattasi di viaggio di lavoro, arriverete all’appuntamento freschi e pronti per affrontare ogni discussione.

2# Genio. "Che cos'è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità d'esecuzione": così disse il Perozzi (uno strepitoso Philip Noiret) in quel capolavoro cinematografico dal titolo "Amici miei". In qualunque momento, potete creare un diversivo: un ristorante che vi attrae, un museo o una chiesa o una piazza da visitare, una città che non avete mai visto, un amico (o un'amica) da rivedere per un caffè. Senza ricorrere all’estremo (una zingarata senza meta), potete dare spazio al vostro genio, in compagnia dell’auto. Se poi c’è un passeggero all’altezza, tanto meglio.

3# Bagagli. È vero che il bagagliaio di un’auto non è infinito, ma raramente si hanno problemi con valigie, attrezzature di lavoro e materiale sportivo. Basta trovare l’equilibrio corretto, dal punto di vista del comfort e della sicurezza, e il gioco è fatto. Si carica la macchina nel cortile di casa, e poi si scarica il tutto una volta arrivati a destinazione. Nessun trasporto a mano lungo e fatico, come può accadere con aereo e treno; nessun problema di convivenza con bagagli altrui.

Doppia efficienza

A costo di essere ripetitivi, massima attenzione alle condizioni dell’auto prima del viaggio: occorre comunque effettuare un mini-tagliando. L’altra "macchina" da monitorare siete proprio voi: stanchezza, sonno, stress sono nemici assassini al volante. Siate sinceri con voi stessi, e se necessario evitate di guidare, senza sopravvalutarvi.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top